M5S: "Il Tar annulla la nomina dei dirigenti della Regione Marche"

Regione Marche 22/03/2017 - Il Tar ieri con sentenza n. 223 ha accolto il ricorso di due aspiranti dirigenti della regione Marche e ha annullato il recente concorso.

I due hanno impugnato sia le procedure che lo svolgimento e così è stato annullato il Decreto del Segretario generale della Giunta regionale n. 23 del 25/11/2013 con il quale veniva indetto il concorso pubblico per la nomina di 13 dirigenti. Il Tar ha salvato solo una posizione, quella della Segreteria della Giunta e attività di supporto alla Segreteria generale. Anche il Movimento 5 Stelle aveva segnalato alla Corte dei Conti e all'Autorità anti corruzione (Cantone) l’atto con il quale si individuavano le risorse per l’assunzione di questi dirigenti non ritenendolo rispettoso della normativa vigente.

Ma questa Giunta, la cui impreparazione è pari alla sua arroganza, vedi l'accusa di sciacallaggio a chi denuncia gli inammissibili ritardi nelle zone terremotate, non solo sbaglia ma persevera nell'errore. All'assenza del Segretario generale (Costa se ne è andato) ora si aggiunge anche quella di 12 dirigenti. Chi firmerà le centinaia di atti compresi i bandi, i pagamenti e tutte quelle centinaia di decreti che richiedono una o più firme per essere legittimi e operativi? L'impalcatura di governo di Ceriscioli sta scricchiolando paurosamente e sotto ci siamo noi cittadini delle Marche.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2017 alle 16:36 sul giornale del 23 marzo 2017 - 2115 letture

In questo articolo si parla di politica, Gianni Maggi, M5S, MoVimento 5 Stelle Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHIE