Jesi: blitz antidroga, scattano le manette per gestori di un bar e giovane geometra

polizia 17/03/2017 - Un blitz antidroga dei poliziotti della Sezione Narcotici della Squadra Mobile di Ancona e del Commissariato di Jesi, ha portato alla scoperta di un giro di droga legato ad un noto locale Jesi e tre arresti.

Dopo accurate indagini, la polizia ha pedinato un giovane (J.P., 21enne) già noto alle forze dell'ordine sempre per stupefacenti fino al suo ingresso nel bar del centro di cui è il gestore insieme alla compagna, A.R. di 36 anni. La perquisizione ha dato esito positivo: qualche grammo di cocaina e un bilancino di precisione.

A quel punto la polizia ha proseguito la perquisizione a casa della coppia, dove sono stati trovati 3 barattoli in vetro contenenti circa 2 e mezzo di hashish; 1 involucro di cellophane contenente oltre 10 grammi di cocaina; 1 secondo bilancino di precisione; la cifra di circa 4000 euro in banconote di vario taglio (sicuro provento della redditizia attività di spaccio); materiale plastico atto al confezionamento in dosi.

Immediato l'arresto della coppia per flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio, continuato ed in concorso, di stupefacente.

L'attività di spaccio era ben organizzata e la coppia teneva nel bar un registro con nomi e cifre. Nello stesso foglio era inserito anche il nome criptato del probabile fornitore.

A seguire è stata effettuata una ulteriore perquisizione domiciliare a carico di un geometra (F.C. 30 anni) collaboratore di un avviato studio professionale cittadino. Lì un altro magazzino dello spaccio: 2 buste sottovuoto contenenti complessivamente gr. 250 circa di marijuana; nr. 8 frammenti di hashish del peso di n. 1 etto; 1 bilancino di precisione; 1 rotolo di cellophane per il confezionamento in dosi; 1 macchinario per il confezionamento casalingo sottovuoto; la cifra di euro 2.400 ritenuta provento di spaccio.

Al termine degli accertamenti anche il terzo giovane è stato tratto in arresto nella flagranza del delitto di detenzione ai fini di spaccio di stupefacente; su disposizione del PM di turno presso la Procura della Repubblica di Ancona i tre sono stati collocati agli arresti domiciliari, in attesa della convalida dei provvedimenti precautelari e della celebrazione del processo con rito direttissimo.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2017 alle 19:07 sul giornale del 18 marzo 2017 - 1366 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHyN