Porto Recanati: gatto morto per una polpetta avvelenata, controlli dei carabinieri

10/03/2017 - A seguito della denuncia presso la Stazione dei carabinieri di Porto Recanati (MC) del ritrovamento nel giardino di un abitazione  di un gatto, morto, che presentava, secondo la donna che ha sporto denuncia, segni di avvelenamento la Compagnia Carabinieri di Civitanova Marche ha proceduto all'attivazione del Nucleo Cinofili Antiveleni Carabinieri-Forestali, alle dipendenze del Coordinamento Territoriale CC per l’Ambiente del Parco Nazionale dei Monte Sibillini  di Visso (MC).

Considerato che non si tratta del primo episodio, giovedì mattina i militari hanno proceduto all’ispezione della zona di Montarice, della relativa strada principale e dei perimetri della varie abitazioni con due cani addestrati alla ricerca di bocconi avvelenati. La ricerca ha dato esito negativo e la popolazione residente è stata sensibilizzata affinché in futuro analoghi casi siano immediatamente informate le Forze dell’Ordine così da attivare subito il Servizio Veterinario dell’ASL per comprendere quali siano le cause reali delle morti ed eventualmente quale tipo di veleno  così da indirizzare le successive attività investigative nei confronti degli autori degli avvelenamenti.

Nel contempo è stato informato ufficialmente il Sindaco di Porto Recanati per l’adozione dei provvedimenti ritenuti necessari in qualità di Autorità Sanitaria locale.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it






Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2017 alle 11:00 sul giornale del 11 marzo 2017 - 420 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, porto recanati, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHhx