Pd: il vice segretario Pd Fioretti responsabile regionale della mozione di Michele Emiliano al Congresso

06/03/2017 - Il vice Segretario del Partito Democratico delle Marche, Luca Fioretti, ha scelto Michele Emiliano come candidato alla segretaria nazionale del partito, che verrà scelto alle primarie del 30 aprile.

“Non è stata una decisone facile - ha affermato Fioretti - ho cercato di ritrovare la passione e gli stimoli in un partito che sta allontanandosi dalle sue radici e dalla sua “anima”, costitutiva e politica, rimuovendo pezzi del suo popolo, aprendo loro le porte e non facendo nulla per trattenerli. Ho conosciuto Michele Emiliano nel 2013 a Bari, come Presidente dei Comuni Virtuosi , alla presentazione del Disegno di Legge sulla Bellezza di Legambiente. Allora era Sindaco della sua città, conobbi le sue politiche, restammo a parlare, intravidi subito la passione e l’integrità morale della persona, del magistrato. Mi raccontò della sua attività in Sicilia, con Rosario Livatino e Giovanni Falcone, contro la mafia. Un carisma “buono”, disinteressato, tanta passione. Quella che cerco, da sempre, come carburante indispensabile.”

“Credo ci sia bisogno di continuare a battersi da dentro il PD, non lasciarlo da solo, preda dei personalismi, di una gestione che ci ha catapultato in sconfitte enormi, di valori e di numeri, mai analizzate seriamente. Per un Pd diverso, finalmente attento alle esigenze degli ultimi, alle diseguaglianze, al lavoro e ai lavoratori, al futuro ed alle speranze dei giovani, verso un Paese che ponga la riconversione ecologica e la piena Sostenibilità come un tema principale dell’agenda politica. I giovani sono la linfa vitale, sono il futuro. Senza di loro un grande partito popolare, che intende rimanere ancorato ai valori e alla sua anima costituente, muore.”

Fioretti insiste sulla necessità di un cambiamento autentico “…oltre gli slogan, tweet e politiche lontane dai nostri valori. Occorre una nuova energia, un nuovo linguaggio. Occorrono come sempre idee e azioni concrete, da perseguire su un binario diritto di coerenza e credibilità; ridare dignità e futuro ai lavoratori, ad un Paese finalmente moderno, rigenerato e messo in sicurezza, che sappia produrre ricchezza, economica e culturale, attingendo al suo patrimonio unico fatto di Paesaggio e Bellezza. In una grande agenda di rinnovamento sociale, attenta al “mondo di fuori”, in preda ai populismi e all’esclusione, frutti avvelenati di una globalizzazione che ha fallito il suo ruolo. Occorre farlo come sempre da sinistra, sganciati da una stagione di false promesse e dai suoi protagonisti fautori ed esecutori, con ruoli attivi nel Governo Renzi. Michele Emiliano ha le carte in regola per riportare passione e valori all’interno di un recinto lasciato colpevolmente incustodito e senza manutenzione.”

“Sono felice della scelta di Fioretti di sostenere la mia candidatura – ha affermato Michele Emiliano - conosco la sua attività, svolta sempre con passione e disinteresse per il Partito Democratico, con l'ideale di una sinistra moderna e serenamente memore dei suoi valori. Sarò presto con lui nelle Marche, a presentare la mia candidatura e le proposte per un partito che deve ritornare ad appassionare i cittadini come patrimonio collettivo.” Si sta organizzando in questi giorni il Coordinamento regionale. Per adesioni e info: marchexemiliano@gmail.com





Questo è un articolo pubblicato il 06-03-2017 alle 11:08 sul giornale del 07 marzo 2017 - 530 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aG7J