Intensa attività dei carabinieri, cinque denunce a Jesi, Castelplanio e Chiaravalle

Carabinieri 04/03/2017 - Continua l’impegno dei Carabinieri delle stazioni della Compagnia di Jesi. Negli ultimi giorni sono state cinque le persone denunciate delle stazioni di Jesi e Chiaravalle.


La Stazione di Jesi, dopo una lunga e complessa attività investigativa, ha denunciato un cubano che, attraverso un sistema semplice ma collaudato, si faceva fraudolentemente ricaricare la sua post pay. In buona sostanza i militari hanno accertato che il soggetto, dopo aver ottenuto ricariche con importi variabili presso vari esercizi commerciali abilitati, esibito documenti risultati poi smarriti, aver richiesto il pagamento tramite POS, del cui dispositivo già sapeva che l’esercizio ne era sprovvisto, con la promessa di saldare il dovuto non appena prelevato il denaro dal più vicino Bancomat si dileguava.. L’uomo dovrà rispondere di truffa e di sostituzione di persona.

A Chiaravalle, invece, i carabinieri hanno dato un volto ai due rapinatori che il 28 gennaio 2017, dopo aver perpetrato un furto ai danni del locale LIDL usarono violenza nei confronti di un extracomunitario che aveva tentato di bloccarli (LEGGI QUI). Si tratta di due romeni di 19 e 42 anni, entrambi censurati domiciliati a Falconara Marittima. L’individuazione è stata possibile grazie alla collaborazione del cittadino extracomunitario, il quale, dopo qualche giorno, si è presentato spontaneamente ai militari fornendo indicazioni utili alla loro identificazione. Nei confronti dei romeni è stata inoltrata informativa con la quale viene loro imputato il reato di rapina in concorso.

Sempre a Chiaravalle i militari hanno denunciato due donne romene di 20 e 39 anni, residenti a Pescara e gravate di precedenti specifici, che il 5 dicembre scorso avevano rubato cosmetici per un valore di 1.000 euro al supermercato “SI CON TE” di Monte San Vito. Determinante è stata per la loro individuazione la complessa attività tecnica fatta di comparazione dei fotogrammi estrapolati dalle immagini delle telecamere con quelli censiti nel sistema elettronico dell’Arma.

Infine a Castelplanio, i carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di specifici servizi tesi al contrasto dell’immigrazione clandestina, hanno individuato un tunisino gravato di un provvedimento di espulsione con accompagnamento alla frontiere. Nei suoi confronti era stato emesso il provvedimento di espulsione in conseguenza del mancato rinnovo del permesso di soggiorno dovuto ai suoi molteplici precedenti penali. Il tunisino, individuato in quel centro, è stato condotto presso l’aeroporto di Falconara Marittima per le operazioni di rimpatrio.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 04-03-2017 alle 14:25 sul giornale del 06 marzo 2017 - 253 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aG5D