Amministratori marchigiani a Bruxelles per approfondire sui fondi post sisma, Ceroni: "Cifre previste finora sono ridicole"

04/03/2017 - Una delegazione di amministratori marchigiani, guidata dal senatore Remigio Ceroni, si è recata a Bruxelles al Parlamento Europeo per approfondire la tematica dei fondi europei a gestione diretta, in modo da poter cogliere tutte le possibilità utili alla ricostruzione post-terremoto, nel corso di un incontro con l'europarlamentare onorevole Alessandra Mussolini.

“Le zone terremotate sono in una condizione gravissima, occorre cogliere tutte le opportunità possibili per partire con la ricostruzione – ha affermato Ceroni – il sisma del 1997 è costato 13 miliardi di euro, per quello attuale la Protezione civile ha stimato danni per 23 miliardi e mezzo di euro, ma a mio avviso ne servirebbero almeno cinquanta, che lo Stato non ha, la cifra prevista sinora è ridicola, nemmeno sufficiente per l'emergenza”.

Il senatore di Forza Italia ha continuato l'analisi: “Degli albergatori che ospitano chi non ha più una casa non sono stati pagati, lo Stato non ha trasferito le somme, sono stati emanati già tre decreti, il terzo ha smentito i precedenti. La preoccupazione di chi gestisce è solo quella di non far rubare, che è impossibile, perchè non si fa nulla, tutto è rimasto immobile. Con il fondo di solidarietà ed il fondo europeo di sviluppo regionale ci sono a disposizione complessivamente soltanto due miliardi di euro, per questo vanno intraprese azioni necessarie a cogliere tutte le opportunità previste nei singoli bandi, anche quelli al di fuori del terremoto, associando i Comuni tra di loro. Serve l'impegno degli europarlamentari in tal senso per orientare gli enti verso questa possibilità”.

L'onorevole Alessandra Mussolini ha ascoltato le richieste della delegazione di sindaci ed amministratori locali: “Il senso di questo incontro è di riuscire a mescolare la domanda e l'offerta, i fondi europei sono 'bestiacce' se si sbaglia anche una sola virgola si viene facilmente esclusi dal bando, serve una progettualità conforme per questo sono a vostra disposizione, per dare il supporto necessario, anche tramite gli uffici preposti. Tra qualche settimana verrò in visita nelle zone terremotate, per rendermi conto di persona della situazione”.

Ha concluso Ceroni: “Dobbiamo promuovere associazioni temporanee di Comuni per poter partecipare ai diversi bandi, tutto ciò che si riuscirà ad ottenere servirà per ripartire”.

E' seguito un incontro con Riccardo Barile, assistente tecnico esperto nei diversi bandi e finanziamenti erogati dall'Unione Europea. Hanno preso parte all'incontro: Barbara Cacciolari (vicecoordinatore regionale Forza Italia Marche), Renzo Marinelli sindaco e Claudio Cioli consigliere di Castelraimondo, Valerio Strappaveccia vicesindaco Gagliole, Massimo Cesca di Corridonia, Tullio Patassini di Treia, Alessia Pupo da Tolentino, Lucia Gentili e Mahena Mariani da Colmurano, Giuseppe Sposetti, Federico Marconi da Sarnano, Carmelo Ceselli, Flavio Zura sindaco di Mogliano, Giorgio Salustri, Lorenzo Pelacani da Fermo, Antonio Aureli da Visso, Maurizio Laurenzi, Mauro Ferranti sindaco e Roberto Vittori consigliere di Montappone, Roberto Vittori, Stefano Mirisola da Fano.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-03-2017 alle 11:36 sul giornale del 06 marzo 2017 - 205 letture

In questo articolo si parla di terremoto, forza italia, politica, bruxelles

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aG4R