Tac e Risonanze Magnetiche: esami no-stop a Marche Nord

Risonanza Magnetica 23/02/2017 - Dall’inizio di Gennaio la diagnostica pesante dei due Presidi ospedalieri lavora 12 ore al giorno. Incremento anche delle prestazioni di Medicina Nucleare.

Per abbattere le liste di attesa, dai primi di gennaio la Diagnostica per Immagini lavora 12 ore al giorno. Tac e Risonanze magnetiche si fanno per sei giorni alla settimana, sia a Pesaro che a Fano, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14, mentre a Pesaro la Risonanza funziona fino alle 20 anche di sabato. Poi c’è la seconda Tac di Pesaro, che sempre dallo scorso gennaio lavora dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14. E’ questa la risposta della Direzione Generale di Marche Nord. L’obiettivo è lavorare sulla riduzione dei tempi di attesa, rispondendo alle richieste e ai bisogni dei cittadini.

Tutto è partito la seconda settimana di gennaio con un piano ben definito, che lo stesso Direttore Generale, Maria Capalbo, ha illustrato per la prima volta in occasione dell’ultimo consiglio comunale a Pesaro, snocciolando dati e piani di rientro. Rispetto al 2016, l’incremento dell’offerta di Tac permetterà di soddisfare 60 pazienti in più alla settimana per un totale annuo, in previsione, di 2.500/3000 Tac. Analoga l’attività della Risonanza magnetica di Pesaro e Fano, anche queste aperte mattino e pomeriggio: 9 sedute settimanali in più, rispetto al passato, per soddisfare 48 nuovi pazienti. Se il numero lo spalmiamo sull’anno, il 2017 si chiuderà con oltre 2000 risonanze magnetiche. Scatto in avanti anche per Ecografie e Mammografie: 2 sedute in più di ecografie alla settimana a Pesaro, con 25 Eco in più per le urgenze a breve – da eseguire entro 10 giorni - e differibili - entro 30-60 giorni, per un incremento annuo di circa 1.200 prestazioni, e una seduta aggiuntiva di mammografia clinica il martedì con un incremento di 20 pazienti a settimana (aumento annuo stimato di circa 1.000 esami).

Oltre alla diagnostica, dall’inizio dell’anno la Direzione Generale ha messo mano anche alle prestazioni di Medicina Nucleare: dal 23 gennaio la PET è aperta anche di pomeriggio, passando da 40 a 55 esami settimanali, per un totale di 60 indagini in più al mese.

Ovviamente l’incremento delle attività si è reso possibile – commenta Capalbo – anche grazie al nuovo Piano assunzioni e alle risorse assegnate dalla Regione. Come ho già detto in Consiglio comunale, per noi il 2017 deve essere l’anno di svolta anche sulla questione dei tempi di attesa: già a gennaio, sulle 43 prestazioni oggetto del monitoraggio regionale, abbiamo soddisfatto il 95% delle richieste. E con l’incremento di queste attività vogliamo dare una risposta, certamente non risolutiva ma concreta, ai bisogni di salute del nostro territorio”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2017 alle 11:46 sul giornale del 24 febbraio 2017 - 1353 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, risonanza magnetica, Ospedali Riuniti Marche Nord, tac, tac pesaro