San Benedetto del Tronto: tragedia al porto: imprenditore si lancia in mare e muore

23/02/2017 - Un uomo Giovanni Rosati, imprenditore di 47 anni, a bordo della sua Toyota ha raggiunto l’area del molo Nord lanciandosi a folle velocità oltre la punta del porto.

 L’auto è volata per dieci metri prima di impattare nell’acqua e andare a fondo. La scena è stata vista dai militari della Guardia costiera di San Benedetto che hanno immediatamente predisposto la macchina dei soccorsi. I primi ad intervenire sono stati i sommozzatori che hanno subito raggiunto l’auto ed estratto Rosati dall’abitacolo. L’uomo è stato riportato in superficie in condizioni disperate. Sul posto, nel frattempo, erano arrivati pompieri, carabinieri e polizia e l’ambulanza del 118. I sanitari hanno tentato in ogni modo di rianimare l’imprenditore, ma non c’è stato nulla da fare.

Il tragico gesto in una prima analisi, sarebbe la conseguenza di un litigio con la moglie, finito con gravi ferite alla testa, che la mattina del 23 febbraio si è presentata al Pronto Soccorso dell’ospedale di San Benedetto per essere medicata per l’aggressione subita.

 


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it




Questo è un articolo pubblicato il 23-02-2017 alle 15:14 sul giornale del 24 febbraio 2017 - 9740 letture

In questo articolo si parla di cronaca, san benedetto del tronto, articolo, Roberto Guidotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGKI