Porto Sant'Elpidio: i Carabinieri impediscono un tentato sucidio

Carabinieri 21/02/2017 - L'uomo, un 55enne di Ravenna, ha tentato il suicidio tagliandosi le vene con una lametta da barba. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Fermo.

Alla base del folle gesto sembrano esserci difficoltà economiche.
Durante il pomeriggio del 21 febbraio, la centrale operativa del 112 di Fermo ha ricevuto una segnalazione dai colleghi di Ravenna, riguardo un uomo scomparso da due giorni con la propria auto, il quale però aveva dato prova di avere chiari intenti suicidi. I Carabinieri di Ravenna  hanno attivato la localizzazione tramite smartphone per riuscire a rintracciarlo. In questo modo hanno individuato la posizione dell'uomo, che aveva con sé il cellulare, e l' hanno prontamente comunicata ai colleghi di Fermo.
Via Fratte, era la zona indicata dai colleghi ravennati ed è lì che si è subito precipitata la gazzella del 112. Ma i carabinieri hanno trovato l'uomo soltanto intorno alle 18:00 in Via Umberto I a Porto Sant'Elpidio, mentre cercava di tagliarsi le vene dei polsi con una lametta da barba. Dopo avergli prestato soccorso, hanno tentato di tranquillizzarlo cercando di capire le motivazioni di una scelta così estrema, il serio momento di crisi economica che l'ha colpito sembra essere la motivazione più evidente. 
I Carabinieri lo hanno poi accompagnato all'Ospedale di Fermo, dove l'uomo è stato ricoverato.





Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2017 alle 21:29 sul giornale del 22 febbraio 2017 - 2919 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, andrea leoni, suicidio, fermo, vivere fermo, crisi economica, articolo, carabinieri di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGGm