Pallavolo: serie A2, arresto della Lardini contro Soverato

Lardini Filottrano contro Soverato 20/02/2017 - Si ferma contro Soverato e dopo ventidue vittorie consecutive tra campionato e coppa Italia (ruolino da consegnare alla storia della seconda serie italiana) la fenomenale corsa della Lardini.


La formazione filottranese non riesce a capitalizzare il vantaggio di due set e cede al tie-break in un PalaBaldinelli, gremito come non mai in questa stagione, che a fine partita riserva alla squadra di Massimo Bellano un lunghissimo applauso. L’assenza di Vanzurova (bloccata da un problema alla schiena) costringe il tecnico della Lardini a rivedere lo starting six, dove trova posto Tosi. Bosio gioca molto con le centrali in un avvio di gara in cui Zanotto manda avanti Soverato (4-6) e l’ace indotto dal net di Demichelis garantisce tre punti di vantaggio alle ospiti (6-9). Cogliandro è micidiale in avvio, Scuka firma la parità (9-9) con il muro, fondamentale che con la difesa consente alla Lardini di limitare al 23% la pericolosità offensiva di Soverato. Sul turno al servizio di Cogliandro la formazione filottranese costruisce il break, complici i punti sottorete di Mazzaro e l’ace della stessa centrale (14-10). Manfredini prova a rimettere in corsa le calabresi (14-12), ma la Lardini chiude la cerniera in seconda linea e costringe Soverato a forzare e sbagliare (8 errori in attacco nel set). Filottrano corre verso il primo traguardo (23-16) con Negrini che mette a terra il pallone del 24-17 e Scuka quello dell’1-0.
La Lardini riparte da Cogliandro (2-0), che si inventa anche una spettacolare difesa con un piede, tramutata nel 4-2 da Scuka.
Feliziani guida la difesa filottranese, che contribuisce al 6-1 di parziale con cui la Lardini ribalta il risultato (da 6-7 a 12-8), sigillato da una Cogliandro che nel secondo set viaggia al 100% in attacco.
Tosi diventa un fattore (6 punti con il 50% nel secondo parziale), la Lardini (che attacca al 41%) spinge convinta con Cogliandro (22-16). Il muro di Bertone riporta sotto Soverato (23-20), Scuka consegna quattro set-point alla Lardini, ma tre ne annullano Manfredini e Bertone (ancora a muro).
E’ l’errore al servizio di Manfredini (dopo il time out di Bellano) a consegnare il 2-0 ad una Lardini che sull’asse Bosio-Scuka segna l’avvio di terzo periodo, con la slovena che firma tre dei primi quattro punti filottranesi (4-2).
Soverato inizia a prendere le misure a muro e trova in Manfredini un riferimento in attacco (5-7). Negrini (a muro) e l’ace di Tosi riportano avanti la Lardini (8-7), ma è il turno al servizio di Demichelis (con due ace) a rimettere al comando le calabresi (8-11). Il muro di Mazzaro riporta sotto Filottrano (12-13), Katakasheva lo riallontana (12-15), Negrini firma la parità a 15. Il tira e molla alla fine premia Soverato, che con Bertone e con il muro di Travaglini si proietta sul +4 (16-20). Tosi e Cogliandro dimezzano il gap (19-21), Manfredini garantisce cinque palle-set (19-24), la Lardini prova a tenere vivo il set con Scuka (22-24), ma Karakasheva pesca la linea laterale dopo il rimbalzo del pallone sul net.
Il set vinto è una notevole iniezione di fiducia per Soverato, che entra con decisione nel quarto set e il servizio vincente di Travaglini segna il 2-6. Bosio si affida a Negrini e Scuka per recuperare terreno, ma Soverato è in fiducia e nel quarto set alza al 40% la percentuale d’attacco (5-11). Tosi attacca e mura (8-12), le risponde Manfredini (9-15), ma è Zanotto la più continua in attacco (15-20). Bellano chiama in campo Cappelli, sul cui turno al servizio la Lardini torna sotto, con due punti di fila di Scuka (19-21). Manfredini e Bertone tengono distante Soverato (20-23), ma Filottrano non demorde e con Cogliandro (ace) torna a -1 (22-23).
E’ Manfredini a togliere le castagne dal fuoco alle calabresi (22-24), attacco per la verità molto contestato, poi Bertone allunga il confronto al quinto set. Dove la Lardini riparte dai punti delle centrali (4-3), mentre Soverato dal quinto muro personale di Bertone (5-5). Il servizio di Cappelli è ancora velenoso e consente alla Lardini di girare campo sul +2 (8-6), ma alla ripresa Soverato piazza un parziale di 7-0, con Manfredini e Zanotto protagoniste, che segna di fatto il tie-break. La Lardini ci prova, ma il muro di Karakasheva chiude il confronto.

LARDINI FILOTTRANO – VOLLEY SOVERATO 2-3

LARDINI FILOTTRANO: Bosio 1, Tosi 12, Mazzaro 9, Cogliandro 17, Negrini 10, Scuka 19, Feliziani (L); Rita, Cappelli 1. N.e.: Marangon (L2), Galazzo, Vanzurova, Pizzichini. All. Bellano - Quintini.

VOLLEY SOVERATO: Demichelis 5, Manfredini 21, Bertone 17, Travaglini 10, Zanotto 22, Karakasheva 12, Bisconti (L); Caforio, Caravello, Gennari. N.e.: Vujko. All. Saja - Stella.

ARBITRI: Carcione (Rm) e Grassia (Rm).
PARZIALI: 25-19 (24’), 25-23 (28’), 22-25 (26’), 22-25 (27’), 10-15 (16’).
DURATA: 121’.
NOTE: Lardini: battute sbagliate 3, battute vincenti 4, muri 5, attacco 32%, ricezione positiva 64%. Soverato: b.s. 15, b.v. 6, mu. 14, att. 33%, ric. pos. 64%.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-02-2017 alle 10:30 sul giornale del 21 febbraio 2017 - 3018 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, filottrano, Lardini Filottrano, soverato, serie A 2 femminile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGBG





logoEV