Civitanova: pestaggio in un locale, la Squadra Mobile ha dato esecuzione alle 3 misure cautelari

polizia 11/02/2017 - Sabato mattina gli agenti della Squadra Mobile di Macerata hanno dato esecuzione a 3 misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale su richiesta della Procura di Macerata.

Si tratta del 37enne A.C., del 45enne G.T. e del 40enne M.L., due dei quali residenti in provincia di Macerata ed uno nel fermano, ritenuti responsabili, al termine di articolate attività investigative, del pestaggio di un 45enne, avvenuto lo scorso 4 gennaio in un noto locale della fascia costiera.

La vittima, che nella circostanza riportò fratture e gravi lesioni, è stato sottoposto a delicati interventi chirurgici oculistici. Pertanto le indagini della Squadra Mobile, su richiesta della Procura che ha coordinato l’attività investigativa, hanno tenuto conto anche di una perizia medico-legale che ha confermato la gravità e l’entità delle lesioni.

Al termine delle indagini, che hanno beneficiato inoltre delle preziose indicazioni fornite dai numerosi testimoni, grazie alle quali gli agenti hanno ricostruito con dovizia di particolari la vicenda ascrivendo ad ognuno degli indagati puntuali responsabilità penali, la Procura ha richiesto ed ottenuto dal Gip misure cautelari precise per i tre responsabili identificati.

In particolare per A.C. e M.L. ha stabilito l’obbligo di dimora nel comune di residenza senza la possibilità di non allontanarsi dalla propria abitazione in orario notturno e serale mentre per G.T. ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Civitanova Marche.

Le indagini proseguono ora per chiarire i motivi del pestaggio, in considerazione del fatto che tutti e quattro, già noti alle Forze dell’Ordine, svolgono funzioni di buttafuori nei locali notturni della costa tra le province di Ascoli Piceno e Macerata.





Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2017 alle 18:05 sul giornale del 13 febbraio 2017 - 18400 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGlX