Rugby: 6 Nazioni femminile, esordio amaro per le Italdonne, al Carotti di Jesi vince il Galles

05/02/2017 - La cornice di pubblico delle grandi occasioni ha accolto le Italdonne allo stadio Carotti, alla prima volta sul grande palcoscenico del rugby internazionale.


Oltre 3300 spettatori presenti, con una colorita rappresentanza di tifosi gallesi; Jesi ha salutato come meglio non si poteva la rappresentativa azzurra, ma l’esordio è stato sostanzialmente amaro per le ragazze di coach Di Giandomenico. Parte bene il Galles, già in vantaggio, dopo 8’ di pressione, praticamente ininterrotta. Primi punti su punizione da posizione centrale, ben calciata da Snowsill. La prima meta delle giocatici gallesi non tarda: al 10’ minuto realizza Thomas, perfeziona Snowsill, con il conseguente calcio piazzato, portando il suo team sullo 0-10.

Le azzurre danno l’impressione di non accusare il colpo, anzi dalla mezzora riescono a costringere le gallesi nella loro metà campo. Per l’Italia è il momento migliore: la punizione di Sillari, al 31’, vale i primi tre punti. Quattro minuti dopo (35’) arriva la prima meta delle azzurre, grazie alla Furlan, al termine di un attacco insistito dell’Italia.
Si va al riposo sul punteggio di 8-10.

Il secondo tempo è tutto di marca gallese: la squadra di coach Phillips appare di gran lunga più organizzata riuscendo a capitalizzare al meglio i suoi attacchi. Il match ha la sua svolta al 6’, quando la Hywell (premiata come woman of the match) sigla la meta dell’ 8-15; la nazionale di casa non trova la forza necessaria per riprendere in mano la partita, pur non arrendendosi, chiudendo anzi in attacco, fino al fischio finale. Nel frattempo, però, il Galles è andato di nuovo in meta (29’), a ribadire la sua superiorità, dimostrata in gran parte del match. Finisce sul punteggio di 8-20.

Al termine della partita Andrea Di Giandomenico, responsabile tecnico della Nazionale Italiana Femminile, ha analizzato il match delle Azzurre: “Abbiamo trovato uno stadio molto caloroso, un’ottima atmosfera, tutti i presupposti per far bene. Purtroppo abbiamo concesso i primi 25 minuti di partita al Galles, che ha preso fiducia ottenendo il primo vantaggio. Nella seconda metà del primo tempo abbiamo reagito bene, ma ci è mancato soprattutto nel secondo tempo il ritmo partita, sfruttando poco le accelerazioni e non riuscendo ad esprimere il nostro consueto gioco. Pensiamo già alla prossima partita, sappiamo dove dobbiamo lavorare”.
 

6 Nazioni Femminile, I giornata Jesi, Stadio Carotti – sabato 4 febbraio

Italia-Galles 8 - 20 (8 - 10)

Marcatori: p.t. 8’ c.p. Snowsill (0-3), 10’ Thomas m. (0-8); c.p. Snowsill (0-10), 31’ c.p. Sillari (3-10), 35’ Furlan m. (8-10); s.t. 6’ Hywel m. (8-15), 29’ Phillips m. (8-20)

Italia: Furlan, Sillari, Cioffi, Zangirolami, Stefano, Rigoni, Barattin, Giordano, Locatelli, Cammarano, Trevisan, Severini, Gai (30’ s.t. Ferrari), Bettoni, Cucchiella (39’ Pillotti). All. Di Giandomenico

Galles: Hywel, E. Evans, Lake, Wilkins, Taviner (38’ Williams), Snowsill, Bevan (24’ Moore), Thomas, Phillips, A. Evans (Pyrs), Rowe (45’ Lillicrap), Clay, Harries (30’ s.t. Butchers), Hughes, Taylor All. Phillips

Arb. R. Labreche

Cartellini: -

Calciatori: Sillari 2/2 (Italia); Snowsill 1/3 (Galles)

Note: pioggia dalla metà del primo tempo, campo non in buone condizioni. Circa 3300 spettatori

Woman of the match: Snowsill (Galles)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2017 alle 16:49 sul giornale del 06 febbraio 2017 - 2428 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, rugby, italia, Fir, 6 nazioni femminile, stadio pacifico carotti, galles