Al via i lavori all'ex Arena Italia: Mangialardi, "Intervento di grande spessore per il Rione Porto". Foto e video

03/02/2017 - Dopo le anticipazione di Vs dei giorni scorsi, circa l'avvio dei lavori di riqualificazione dell'ex Arena Italia, il sindaco Maurizio Mangialardi ha presentato ufficialmente il progetto che introduce elementi di restyling anche di aree pubbliche.

Venerdì mattina il progetto esecutivo per la riqualificazione dell’area dell’ex Arena Italia approvato dalla giunta comunale e inserito nell’ambito degli interventi previsti dal Piano particolareggiato del centro storico. "Si tratta di un progetto che rappresenta un importante tassello per il recupero e la valorizzazione del Rione Porto e di Porta Lambertina -ha esordito il sindaco Mangialardi- Sul luogo l’Amministrazione comunale era già intervenuta nel 2014 sottraendo la zona al degrado preesistente per realizzarvi un temporaneo parcheggio pubblico gratuito, grazie alla cessione dell’area in comodato d’uso da parte della proprietà, e bonificando dall’eternit una superficie di circa 1500 metri quadrati dal complesso dei manufatti lì presenti. Oggi questo spazio è pronto a rinascere definitivamente grazie a un intervento che sotto il profilo urbanistico si configura come la soglia separatrice, e allo stesso tempo connettiva tra l’edificato settecentesco degli isolati a losanga sviluppatisi fuori le mura e le stesse mura dell’ampliamento urbano cinquecentesco".

L’edificio, che sorgerà al posto dell’ex cinema su una superfciedi 1647 mq, prevede al piano terra la realizzazione di quattro attività commerciali (su una superficie di 365 mq) e di dieci appartamenti ai piani superiori, per altri 1290 mq. Sono previsti anche garage e parcheggi interrati per i residenti.

"Di grande rilievo saranno le opere di urbanizzazione primaria e secondaria per garantire la piena fruizione dell’area -aggiunge Mangialardi-. Tra queste la pavimentazione di via Mamiani e via Rodi con basoli di pietra di Cingoli, come già fatto nel resto del centro storico e nell’attigua via Carducci, e il percorso pedonale che si incardina sulla prosecuzione del tratto di porticato già esistente. Inoltre, la nuova sistemazione dell’area pavimentata permetterà di dirigersi anche verso la Porta Lambertina e attraversarla a piedi, secondo la consuetudine precedente all’abbattimento delle mura in quel tratto". Tra gli interventi previsti anche la realizzazione delle pavimentazioni esterne in pietra, il recupero del paramento murario delle mura urbiche, la realizzazione dell’impianto di pubblica illuminazione e l’adeguamento dei servizi a rete.

“Un progetto – continua ul sindaco – che rappresenta l’ennesimo tassello del processo di riqualificazione urbana avviato dall’Amministrazione e che si connette agli interventi già realizzati nel Rione Porto con il rilancio di via Carducci e la riscoperta di Porta Lambertina. Una parte di città completamente trasformata da zona densa di traffico veicolare e assillata da problemi di degrado e difficile integrazione a spazio di incontro, aggregazione e insediamento di prestigiose attività commerciali. Si tratta di un progetto curato fin nei minimi dettagli e soprattutto attento al recupero filologico delle architetture storiche della città murata. Solo per fare un esempio, il futuro edificio non solo avrà una tipologia conforme a quella del centro storico e del quartiere Porto, ma sarà anche più basso di molti degli edifici collocati in questa zona e, in base ai punteggi attribuiti dal protocollo Itaca Marche, sarà dotato di un’alta efficienza energetico-ambientale”.

“L’intervento – aggiunge l’assessore alla Pianificazione urbanistica Maurizio Memè – consentirà di mettere anche in evidenza i bastioni delle antiche mura nei tratti dove non ci sono più, grazie a un prospetto a terra. Complessivamente, il progetto, che si pone in continuità con la riqualificazione di via Carducci, evidenzia l’impegno che l’Amministrazione comunale ha posto nel recuperare gli spazi pubblici del centro storico, pianificando sempre interventi di grande qualità architettonica”.

Giovedì alle ore 21 il progetto di riqualifizione dell'ex Arena Italia, i cui lavori partiranno entro fine mese e saranno ultimati in 24 mesi, sarà presentato dal sindaco Mangialardi, dalll'assessore Memé e dall'ingegnere del Comune Cicci, ai residenti in un incontro pubblico che si terrà nei locali della Parrocchia del Porto.







Questo è un articolo pubblicato il 03-02-2017 alle 16:27 sul giornale del 04 febbraio 2017 - 9928 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, ex arena italia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF7C


Maria Soldani

07 febbraio, 02:32
Beh,speriamo venga qualcosa di buono ,da Q riqualificazione! Dalle immagini pubblicate,sembra un edificio imponente, ma non ingombrante...Se ciò varrà a migliorare anche il decoro generale del rione Porto, perché no? Purché agli ideatori del progetto non vengano in mente strane chimere,tipo esorbitanti palazzoni X improponibili Centri commerciali(sul modello di quelli presenti a Roma,intendo dire...: troppi ce ne sono!),o altre ambiziose creazioni ,in contrasto con il fascino della zona in questione, vicina al Misa... Seguirò con interesse lo sviluppo dei lavori.Nigallia.