Amati: "No al piano del Governo e Regioni per l'abbattimento selettivo del lupo"

silvana amati 25/01/2017 - "Non condividiamo affatto il via libera che il Governo e le Regioni hanno dato all'abbattimento controllato dei lupi. L'approvazione definitiva del Piano dovrebbe esserci il 2 febbraio ma ci auguriamo che questa decisione possa essere rivista".

Lo afferma la senatrice Silvana Amati, responsabile Pd Tutela e Salute degli Animali. "Gli allevatori hanno perso le loro case e hanno stalle rese inagibili, gli animali, sono risultati troppo spesso difficilmente raggiungibili, esposti al freddo, alla fame, alla sete e alla morte. A loro - continua - oltre che tutta la nostra vicinanza in un momento di emergenza dovuto alla neve e al sisma, servono iniziative concrete di sostegno e di ripristino delle strutture abbattute. Altra cosa risulta essere questa decisione relativa all'abbattimento selettivo dei lupi.

Non è affatto dimostrato che gli attacchi alle greggi, siano causati dai lupi; il più delle volte si tratta di aggressioni dovute a cani non sterilizzati e abbandonati a se stessi, in palese violazione delle norme già esistenti nel nostro Paese. Comunque esiste e può essere rafforzato il sistema dei risarcimenti. Il "Piano per la conservazione del lupo" rileva molteplici problematicità e soprattutto prevede che si possa abbattere un numero di animali fino al 5% della popolazione complessiva in Italia, percentuale che già di per sè risulta assai difficile da quantificare. Auspichiamo che il Governo riveda questo Piano - conclude Amati - e che si definisca finalmente una campagna culturale e non solo, che consenta di affrontare in modo più deciso i problemi connessi al randagismo".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2017 alle 14:48 sul giornale del 26 gennaio 2017 - 3084 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFMo


Paolo Pettinelli

26 gennaio, 08:34
Sono perfettamente d'accordo con la senatrice, tanto più che i lupi sono l'unica plausibile soluzione al contenimento delle popolazioni di cinghiali già adesso difficilmente controllabili.