Terremoto: Ceriscioli ha incontrato le parti sociali e la direzione regionale Inps

24/01/2017 - Il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, questa mattina a palazzo Raffaello ha incontrato tutte le parti sociali e la direzione regionale dell’Inps per fare il punto sui provvedimenti e gli strumenti che proprio in questi giorni si stanno attivando per il sostegno alle imprese e ai lavoratori che hanno subito danni a causa del terremoto.

"Diversi sono gli strumenti attesi da mesi dalle piccole aziende, partite iva, attività commerciali e finalmente riusciamo a dare una risposta - spiega il presidente - grazie al vostro contributo riusciremo a dare a tutti la possibilità di usufruire di queste agevolazioni che daranno respiro ad un territorio messo a dura prova in questi mesi di emergenza. Vi chiedo di informare e di attivarvi per mettere tutti nelle condizioni di poterli utilizzare". Il presidente Ceriscioli ha annunciato che proprio oggi è stato sbloccato il finanziamento di 10 milioni di euro per le strutture commerciali del territorio dichiarate inagibili: “Sono energie significative nel posto giusto al momento giusto, 10 milioni di euro per gli artigiani, i commercianti o i piccoli esercizi sono un primo grande risultato. Fondi che serviranno a installare i moduli per permettere a queste attività di ripartire", ha detto Ceriscioli.

Proprio su questo, ha precisato, siamo in grado presto di mettere i Comuni nelle condizioni di rispondere alle richieste che ci hanno già segnalato. Il presidente ha ribadito poi che la scorsa settimana è stata firmata la convenzione con il ministero del lavoro: più di 96 milioni di euro per ammortizzatori sociali a favore di lavoratori privati compresi quelli agricoli, autonomi e titolari di impresa individuali. Per questo la Regione sta lavorando sulla modulistica e non appena pronti i documenti saranno pubblicati sul sito e disponibili per le aziende. Con questo provvedimento, già da lunedì prossimo, i lavoratori autonomi che hanno cessato l’attività, potranno finalmente avere i cinque mila euro una tantum, mentre per la cassa integrazione in deroga occorre attendere mercoledì e verranno implementati sul sistema informativo. Il presidente ha poi annunciato che la Regione ha chiesto al governo, proprio nella mattinata di oggi, altri 60 milioni, che vanno ad aggiungersi ai 27 milioni già spesi in dotazione su contabilità speciale, per rispondere all’emergenza di questi mesi (pagamenti ad alberghi, Cas, casette…).

L'incontro è stato, inoltre, l'occasione per fare il punto sull’acquisizione di Banca Marche da parte di Ubi, concordare i prossimi incontri e individuare un percorso comune per accompagnare il delicato processo di acquisizione. Il presidente ha annunciato che a breve avrà un incontro con la nuova proprietà e la riunione di oggi è servito proprio per mettere in fila una serie di questioni che verranno affrontate in quella occasione (livelli occupazionali, credito per le imprese e rapporto banca territorio).







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2017 alle 19:43 sul giornale del 25 gennaio 2017 - 1063 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFLx