Neve e sisma: gravissima la situazione nelle zone già colpite dal sisma

Terremoto e neve 18/01/2017 - La situazione nelle Marche già critica a causa della neve si è aggravata in seguito alle tre scosse di terremoto di questa mattina. Tutti i comuni del versante ascolano, maceratese e fermano sono infatti innevati con accumuli fino a 3-4 metri e le nuove scosse hanno innescato una serie di slavine.

Al momento non sono segnalate vittime e il resoconto dei crolli e' reso difficoltoso dal manto nevoso. 30mila sono le utenze senza corrente elettrica e la zona più critica resta quella dell' Ascolano. Circa 60 i Comuni marchigiani che chiedono turbine, pale gommate con catene e personale per rimuovere gli alberi caduti. Molte famiglie sono isolate, soprattutto nelle frazioni e non hanno possibilità di comunicazione. Tutti gli uomini e i mezzi a disposizione, pubblici e privati, sono al lavoro ma non sono sufficienti per fare fronte ad una situazione senza precedenti.

La Protezione civile ha chiesto quindi aiuto alle altre Regioni. Dopo i contingenti gia arrivati questa mattina da Bolzano e dal Veneto, altri contingenti sono partiti ancora da Bolzano e dall'Emilia Romagna. Per quanto riguarda la viabilità si sta provvedendo allo sblocco della Salaria per consentire l'accesso ai mezzi di soccorso. L'Anas ha inviato sul posto una turbina. Chiusa anche la 77 tra il km 17 e il km 70.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-01-2017 alle 21:13 sul giornale del 19 gennaio 2017 - 14889 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, neve

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFzV