Disturbi alimentari: integrate le linee di indirizzo

Anoressia, disturbi alimentari 13/12/2016 - Per curare i disturbi legati all’alimentazione è necessario in alcuni casi il ricovero in riabilitazione, per questo la Giunta regionale è intervenuta aggiungendo un’integrazione alle linee di indirizzo per la realizzazione di una rete integrata di servizi per prevenzione e cura della problematica legata al comportamento alimentare.

Il trattamento ospedaliero riabilitativo intensivo, nella struttura pubblica o privata accreditata che sarà indicata dall’Asur su incarico dell’esecutivo, è necessario quando i pazienti in cura non hanno risposto al trattamento ambulatoriale, sono a rischio fisico e psichiatrico e con difficoltà psicosociali e non sono ancora adeguati per un nuovo inserimento presso una struttura riabilitativa territoriale di lungo periodo. La struttura dovrà fornire al paziente un programma che integri la riabilitazione nutrizionale, fisica, psicologica e psichiatrica per un tipo di intervento che va praticato preferibilmente in una unità aperta così da permettere visite e uscite giornaliere ai pazienti in condizioni mediche stabili.

L’unità che si individuerà, infatti, avrà il vantaggio di esporre i pazienti ad un ampio numero di stimoli ambientali che possono contribuire al superamento del disturbo dell’alimentazione, ridurre il deterioramento dopo la dimissione e limitare la dipendenza dei pazienti nei confronti della struttura. Per un’assistenza ottimale, la struttura ospedaliera dovrà essere dotata di un’equipe multidisciplinare costituita da psichiatri, psicologi, internisti, nutrizionisti, endocrinologi, dietisti, fisioterapisti, educatori, tecnici della riabilitazione psichiatrica, infermieri ed operatori socio culturali. Alla base del trattamento, lo sviluppo di una relazione terapeutica collaborativa e la responsabilità del paziente nel cambiamento comportamentale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2016 alle 19:30 sul giornale del 14 dicembre 2016 - 628 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, disturbi alimentari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aECc


cesare beccaria

14 dicembre, 11:46
IN tema di alimentazione faccio notare che ho più volte segnalato alla Regione Marche dal presidente ai dirigenti perfino ai 5 stelle senza avere mai un cenno di risposta in merito ai contributi regionali per coloro che soffrono di grave insufficienza renale , i 41 euro mensili che la Regione elargisce ai malati gravi a rischio di dialisi ammonta a 41 euro, il Vento 120 euro mensili, le Marche è l'ultima in Italia. Evidenzio che un litro di latte aproteico arriva a 16 euro . Fate conti .
Con preghiera di voler pubblicare questo articolo, le statistiche potete vederle su Aproten cliccando su Google. Grazie. Cordiali saluti.