Recanati: l'autopsia sul corpo della 46enne trovata in fin di vita a casa, uccisa da un colpo di fucile

autopsia 1' di lettura 16/11/2016 - Proseguono le indagini sulla morte della 46enne C.C., trovata, lunedì dalla madre, in fin di vita nella propria abitazione di Montefiore di Recanati.

Sull’accaduto indagano il sostituto procuratore Luigi Ortenzi ed i Carabinieri di Macerata che, al momento, continuano a privilegiare l’ipotesi del gesto volontario della donna.

La 46enne, trovata agonizzante e deceduta successivamente in ospedale, sarebbe morta a causa di un colpo di fucile. A stabilirlo l’autopsia, effettuata mercoledì mattina, all’ospedale di Macerata. Infatti, nello stomaco della donna, sarebbero stati rinvenuti alcuni pallini da caccia, esplosi dal fucile di proprietà del padre.

Nel corso del sopralluogo, effettuato lunedì a seguito del ritrovamento, il fucile era stato rinvenuto sotto il letto dove si trovava la 46enne e, all’interno della stanza, era stata trovata anche una cartuccia.

La Procura ha aperto un’indagine per omicidio volontario. Nessuno risulta iscritto nel registro degli indagati.








Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2016 alle 20:06 sul giornale del 17 novembre 2016 - 8940 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, Sudani Alice Scarpini, autopsia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDyA

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici