Monte S. Vito: i carabinieri inchiodano due rom, avevano tentato di raggirare anziano

Carabinieri 18/06/2016 - Sono stati i Carabinieri della Stazione di Monte San Vito, guidata dal Maresciallo Salvatore Pazienza, che l’altro venerdì hanno dato un volto a due donne rom della provincia di Isernia (W.S. e V.D., rispettivamente di 40 e 48 anni), che agli inizi di questo mese hanno tentato di perpetrare un furto ai danni di un 83 enne del luogo.

Una donna di bell’aspetto si presenta presso l’abitazione dell’anziano e, qualificatasi come impiegata incaricata del rimborso di spese mediche non dovute, gli chiede di mostrarle delle banconote da 50 euro con serie SR, asseritamente non genuine.

Dopo un primo momento di accondiscendenza, l’anziano ha accompagnato la donna al piano superiore dove custodiva le banconote, ma nel momento in cui si è accorto che la luce della camera era stata accesa e che all’interno vi era un’altra donna, ha immediatamente percepito di essere stato ingannato, e che stava per essere derubato di soldi e gioielli.

Ha iniziato così ad urlare invocando l’intervento dei carabinieri, cosa questa che faceva desistere le due dal continuare il disegno criminoso. I militari giunti immediatamente hanno raccolto la denuncia dell’uomo insieme alla descrizione delle due donne.

Dopo qualche giorno, grazie al fotofit realizzato sulla base degli elementi forniti dall’uomo, i militari della locale Stazione hanno potuto identificate le due donne, che, non nuove ad episodi del genere, sono state denunciate per tentato furto aggravato in concorso.

Contestualmente è stata avanzata una proposta per l’emissione del Foglio di Via Obbligatorio, che vieti loro di ritornare nella provincia di Ancona.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it




Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2016 alle 11:08 sul giornale del 20 giugno 2016 - 895 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, monte san vito, rom, anziano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aygZ


Graziano Rosponi

20 giugno, 08:37
Volete spiegare a noi lettori perché non vengono pubblicate le generalità complete e le foto segnaletiche di qesta gentaglia? Non c'entra la famigerata privacy perché: "'.... non nuove a episodi del genere ....", perciò già schedate. Grazie e a leggervi. G.R.




logoEV