Castelfidardo: tragico frontale, muore un 61enne. C'è un arresto per omicidio stradale

29/05/2016 - Incidente mortale nella notte fra sabato e domenica. E' morto un uomo di 61 anni, Marino Messi, recanatese. Il tragico evento lungo la Via Jesina incrocio Via Albanacci, attorno alle 3 del mattino. L'uomo viaggiava in direzione Castelfidardo a bordo di un Fiat Fiorino accompagnato dalla moglie , Giuseppina Benigni 58enne operaia.

Il mezzo si è scontrato con una Mercedes 220 condotta da un 39enne fidardense, Lorenzo Morresi meccanico . Nell'impatto il Fiat Fiorino si è ribaltato sul fianco sinistro finendo in un fosso. ll 61enne alla guida è deceduto. Sul posto il 118 allertato dai carabinieri di Castelfidardo e i pompieri di Osimo che hanno estratto la donna ferita incastrata tra le lamiere.

Da una prima ricostruzione da parte dei carabinieri, emergerebbe come, Morresi ., alla guida della Mercedes, avrebbe perso il controllo del mezzo invadendo la corsia opposta, andando a sbattere frontalmente col Fiorino . A seguito dell’impatto il Fiat Fiorino sarebbe sbalzato fuori strada e finito nel fossato adiacente mentre il Mercedes rimaneva sulla sede stradale.

La stessa ricostruzione avrebbe accertato che la vittima, a seguito dell’urto, sarebbe stato sbalzato fuori dal veicolo e schiacciato dallo stesso nella successiva caduta del mezzo nel fossato. La salma è ora a Torrette in attesa degli esami autoptici.

La moglie della vittima, versa ora in condizioni gravissime nel nosocomio regionale, mentre Morresi , che conudceva il Mercedes, è stato trasportato all'ospedale di Osimo dove gli anno dignosticato la frattura della tibia.

Nella circostanza, da esami alcolometrici effettuati presso il nosocomio osimano, si è accertato che l'uomo risultava positivo per un valore illegale di 1,34 g/l. Entrambi gli automezzi sono stati sottoposti a sequestro preventivo mentre i militari osimani, viste le circostanze, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per omicidio stradale. Ora il meccanico fidardense è piantonato in ospedale. La procura di Ancona ha rattificato l'arresto e disposto per il fermato gli arresti domiciliari.





Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2016 alle 11:23 sul giornale del 30 maggio 2016 - 1390 letture

In questo articolo si parla di cronaca, osimo, vivere osimo, roberto rinaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axtV


Donnini Anna

29 maggio, 18:00
Io non mi intendo Ma penso che questi fossi siano troppo profondi.