Verducci (Pd): 'Zaffiri non tergiversi e si dimetta'

Francesco Verducci 1' di lettura 20/07/2015 - In una democrazia devono valere le regole della convivenza e del rispetto reciproco. A maggior ragione le deve rispettare chi ricopre incarichi di vertice istituzionale, che deve essere di esempio per i suoi concittadini.

Per questo Sandro Zaffiri, vicepresidente del Consiglio regionale delle Marche in quota Lega Nord, deve dimettersi. Nelle scorse ore ha insultato pesantemente il Prefetto di Roma Gabrielli, e poi lo ha minacciato con linguaggio squadrista di un 'trattamento' a base di olio di ricino. Questo perché il Prefetto di Roma ha impedito ad una manifestazione fascista e razzista, venerdì scorso, di assaltare i pulman che trasportavano immigrati richiedenti asilo.

Da marchigiano, a Gabrielli vanno la mia solidarietà e le mie scuse. Da marchigiano, la frase del vicepresidente del Consiglio della mia Regione mi fa profondamente vergognare. Non ci sono scuse che tengano da parte di Zaffiri, se non le dimissioni. Subito. Dimissioni per rispetto di una comunità marchigiana che ha nei valori dell'accoglienza e della solidarietà il suo dna più autentico.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2015 alle 19:04 sul giornale del 21 luglio 2015 - 794 letture

In questo articolo si parla di politica, Francesco Verducci, Dal Sen. Francesco Verducci - PD

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amcw