Porto San Giorgio: il suicidio di Duilio Pazzi, un giallo. Posto sotto sequestro il vivaio

Carabinieri 26/02/2015 - Duilio Pazzi, figlio 42enne del titolare del noto vivaio Lauri, martedì scorso si è tolto la vita. Il fatto è accaduto a pochi giorni di distanza da un altro gesto estremo: quello di Francesco Mario Silenzi, punto di riferimento della Contesa del Secchio.

Martedì Duilio Pazzi è stato ritrovato all'interno del capannone del Vivaio Lauri ormai privo di vita. Il giovane imprenditore si era impiccato nella pausa pranzo, quando al lavoro non c'era nessuno e a fare la tragica scoperta sono stati i dipendenti dell'azienda. Pazzi aveva anche lasciato un biglietto, in cui però non spiegava molto delle cause che lo hanno portato a questa scelta drammatica, peraltro totalmente inaspettata da familiari e conoscenti.

A tre giorni dal tragico fatto, Carabinieri e Guardia di Finanza non sono ancora riusciti a fare chiarezza su questa vicenda e hanno proceduto con il sequestro del vivaio. Quello che intendono fare le forze dell'Ordine è cercare ulteriori dettagli per accertarsi che si sia trattato veramente di un suicidio e che nient'altro abbia motivato il gesto estremo.

Solo pochi giorni prima sono morti a distanza di qualche ora Francesco Mario Silenzi e il padre Diego. Il suicidio di Duilio Pazzi va, quindi, a sigillare quello che sembra essere un interminabile bollettino nero che ha gettato Porto San Giorgio nel lutto.


da Arianna Baccani
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 26-02-2015 alle 23:58 sul giornale del 27 febbraio 2015 - 1454 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, suicidio, porto san giorgio, militari, articolo, Arianna Baccani, vivaio lauri, duilo pazzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/af1f