Riduzione indennità di Giunta regionale, Rosini (DC): 'Giusto, ma tardivo e strumentale!'

1' di lettura 10/11/2014 - “La rinuncia alle indennità da parte dei membri della Giunta della Regione Marche, a quattro mesi dalle elezioni regionali, per quanto giusta, appare chiaramente fatta per il solo scopo strumentale all’obiettivo di ottenere consensi in vista del voto”. Lo dice in una nota il Coordinatore regionale della Democrazia Cristiana, Franco Rosini.

“Tale riduzione sarebbe stata fatta per dare un segnale positivo, da parte del Governo regionale, nel senso di una sensibilità di questo verso tanti cittadini che subiscono gli effetti negativi della crisi. Ma si tratta di una ipocrisia bella e buona del centrosinistra: infatti, dopo quasi sette anni di crisi economica italiana (indotta fondamentalmente dalla nostra appartenenza all’area Euro), a chi vogliono far credere che la motivazione di ridurre l’indennità della Giunta regionale sia dovuta alla crisi stessa e non alla mera ricerca del consenso elettorale per le prossime elezioni regionali del 2015? E difatti, si tratta di una rinuncia, non di una determinazione dell’Ente avente effetti vincolanti anche in futuro; come dire che per la prossima Giunta regionale, qualunque essa sia, sarebbe sufficiente non fare niente in tal senso, che le indennità gli verrebbero riconosciute eccome”, continua l’esponente DC.

“Mi sorprende, inoltre, l’assoluto silenzio del centrodestra sull’accaduto; con un opposizione così, il centrosinistra ci andrebbe letteralmente a nozze”, conclude Rosini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2014 alle 17:03 sul giornale del 11 novembre 2014 - 1077 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, democrazia cristiana, franco rosini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abiX