Pesaro: truffe agli anziani, arrestati tre messinesi

1' di lettura 24/10/2014 - La Polizia di Pesaro ha arrestato tre persone, originarie di Messina, accusate di aver compiuto truffe ai danni di persone anziane.

Sono finiti in manette tre messinesi, una donna e due uomini, di età compresa fra i 37 e 52 anni, accusati di aver compiuto decine di truffe dell'eredità in tutta Italia. L’operazione “Helvetia” è partita da una truffa compiuta nell'ottobre 2013 a Pesaro. In quell'occasione, una donna "svizzera" ha avvicinato in una via del centro una 78enne, alla quale ha chiesto indicazioni sullo studio di un fantomatico medico al quale avrebbe dovuto consegnare la somma di 150mila euro ricevuta in eredità.

A quel punto arrivava il complice della donna, un uomo distinto e ben vestito che, fingendosi un passante, sosteneva di conoscere il medico che però, a suo dire, era da poco deceduto. La "svizzera", dicendo di voler comunque consegnare l'eridità a un notaio, ha convinto la 78enne ad anticipare alcune migliaia di euro prelevati in banca, per coprire le spese dalla pratica, invogliandola con la promessa di un compenso. Appena consegnato il denaro, la coppia si allontanava lasciando a mani vuote la vittima.

Gli arrestati avrebbero recitato il medesimo copione in diverse regioni italiane, sarebbero decine le truffe attribuite al trio.






Questo è un articolo pubblicato il 24-10-2014 alle 11:58 sul giornale del 25 ottobre 2014 - 1355 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, anziani, pesaro, messina, rossano mazzoli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaxT