Jesi: prosegue l'inchiesta su Banca Marche

Banca Marche 1' di lettura 16/04/2014 - Elisabetta Melotti è la procuratrice che coordina le indagini partite dagli esposti presentati circa un anno fa da Luciano Goffi, direttore generale di Banca Marche, riguardo a 20 operazioni sospette.


Le presunte irregolarità riguardano ex presidenti, amministratori e dirigenti di Banca Marche e Medioleasing. A collaborare con gli inquirenti anche la Vigilanza di Banca d’Italia.

Il 9 aprile sono scattate le indagini della Guardia di Finanza e sono state 27 le perquisizioni operate. Tra questi vi erano dirigenti ed amministratori del gruppo, funzionari e tecnici esterni, inoltre erano coinvolti circa dieci imprenditori attivi nelle provincie di Ancona, Macerata, Pesaro, Roma e Sassari.
I reati di cui si sta trattando vanno da quelli di natura societaria, falso in bilancio e falso in prospetto, all’ostacolo alla vigilanza, appropriazione indebita e per ben 12 persone associazione a delinquere e corruzione.

Il 14 aprile si è tenuto l’incontro tra i parlamentari marchigiani e la commissione attività produttive della regione, a cui erano presenti anche i capi gruppo del consiglio regionale e gli onorevoli Irene Manzi (Pd), Emanuele Lodolini (Pd), Patrizia Terzoni (M5S) e la senatrice Camilla Fabbri (Pd).
L’incontro è servito a tracciare la strada da percorrere affinchè Banca Marche rimanga quel pilastro fondamentale dell’imprenditoria marchigiana. A questo scopo i sindacati hanno ribadito l’importanza dell’autonomia dell’istituto e la necessità di quantificare con attenzione le perdite subite.


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it





Questo è un articolo pubblicato il 16-04-2014 alle 13:31 sul giornale del 17 aprile 2014 - 1197 letture

In questo articolo si parla di economia, banca delle marche, banca marche, corruzione, dirigenti, imprenditori, associazione a delinquere, articolo, Arianna Baccani