Ancona: chiama la Polizia inventando di essere stato aggredito, ma è lui il colpevole. Rumeno denunciato dalle Volanti

Polizia stradale controlli notte 1' di lettura 11/11/2013 - Domenica sera, intorno alle ore 20.20, era giunta al 113 della Questura di Ancona una chiamata da parte di un uomo che diceva di essere stato aggredito da un gruppo di persone in un bar di Corso Carlo Alberto.

Immediatamente gli Agenti delle Volanti, diretti dal V.Q.A. Cinzia Nicolini, erano giunti sul luogo segnalato e avevano trovato tre uomini che, interpellati dai poliziotti, dichiaravano di non aver visto alcuna aggressione e di non aver chiamato il 113.

Poco dopo la Sala Operativa della Polizia ha chiamato il numero da cui aveva ricevuto la chiamata e i poliziotti intervenuti hanno sentito squillare il cellulare di uno dei tre, che nel frattempo faceva finta di non sentire la suoneria del telefono. Nell'occasione gli Agenti hanno scoperto che era stato proprio l'uomo che aveva chiamato il 113, un rumeno di 29 anni residente ad Ancona, ad aver minacciato ed aggredito con alcuni spintoni un suo connazionale e, pertanto, lo hanno denunciato per percosse e minacce, per procurato allarme e false generalità a Pubblico Ufficiale, dato che nel corso dell'identificazione e non contento di quello che aveva già fatto, aveva fornito anche le generalità di un'altra persona.


di Micol Sara Misiti
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2013 alle 15:03 sul giornale del 12 novembre 2013 - 1471 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, redazione, ancona, 113, polizia ancona, rumeno, denunciato, vivereancona, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, Micol Sara Misiti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Ukd





logoEV