Civitanova: condannato in Ungheria per guida in stato di ebbrezza, arrestato in città

Afis 1' di lettura 04/11/2013 - Una condanna ad un anno di reclusione per guida in stato di ebbrezza era stata emessa dal Tribunale di Budapest nei confronti di un cittadino romeno di 39 anni.

L’infrazione era stata riscontrata nel 2009 dalla polizia della capitale ungherese a seguito di un incidente stradale. Ma le autorità ungheresi non avevano potuto eseguire la misura perché l’uomo aveva lasciato il paese. In questi casi, tutte le forze di polizia dell’area Shengen vengono attivate ed era stato emesso un mandato di arresto europeo. I carabinieri della Stazione di Civitanova Marche lo hanno rintracciato l’altra sera in città.

Lo hanno identificato, condotto negli uffici del nucleo operativo della caserma Piermanni, per il foto segnalamento ed il confronto delle impronte col sistema AFIS. Si trattava effettivamente del romeno ricercato e lo posto in arresto, in esecuzione della misura internazionale. La convalida dell’arresto è avvenuta lunedì mattina alla Corte d’Appello di Ancona, mentre sono state avviate le procedure per l’estradizione.

L’attività dell’Arma di Civitanova Marche si inquadra nei coordinati servizi di controllo del territorio cittadino, finalizzati alla ricerca di catturandi, svolti quotidianamente dai carabinieri delle due stazioni cittadine, di Civitanova Porto e Civitanova Alta, nonché dalle gazzelle del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Via Carnia.






Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2013 alle 19:03 sul giornale del 05 novembre 2013 - 1629 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/TZt


ciro draisci

05 novembre, 10:54
ce ne sarebbero tanti da sbattere in galera nel nostro paese...ma qua i criminali sono tutti in libertà..puoi guidare ubriaco,drogato,sobrio..poco importa..puoi anche uccidere in questi casi ma le cronache parlano chiaro..tutti i soggetti sono in libertà..poi ovvio che un arresto faccia notizia e finisca sui giornali..noi non ci siamo abituati...fa molto riflettere questa cosa..........