Jesi: moglie troppo permissiva coi figli, il marito la prende a schiaffi. Condannato un palermitano

1' di lettura 29/08/2013 - Violento litigio tra coniugi sulle modalità di educazione dei figli minorenni. L’eccessiva indulgenza e l’essere troppo permissiva, queste le motivazioni che avrebbero portato un uomo di 46 anni, di origini palermitane, a prendere a schiaffi la moglie tanto da far intervenire i figli in sua difesa per placare l’ira del padre.

Questo quanto ha sostenuto l’accusa di fronte al giudice monocratico del tribunale di Ancona, Giombetti, durante la celebrazione odierna del rito abbreviato nei confronti dell’uomo, arrestato a seguito della chiamata delle forze dell’ordine da parte della moglie.

Difeso dall’Avv. Daniele Massaccesi di Jesi, l’uomo ha invece sostenuto che non vi sono stati maltrattamenti ma avrebbe colpito la moglie soltanto una volta, durante l’acceso diverbio familiare. Il giudice Giombetti ha convalidato l’arresto e lo ha condannato a un anno e sei mesi, pena sospesa e concessione degli arresti domiciliari presso l’abitazione di un parente in altra città vicina.

Un altro episodio di violenza tra le mura domestiche ai danni di una donna, che fortunatamente ha avuto il coraggio di denunciare i maltrattamenti.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 29-08-2013 alle 18:24 sul giornale del 30 agosto 2013 - 2155 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, cristina carnevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Q9c





logoEV