Fermo: ritrovato il corpo del 16enne di Amandola scomparso dopo una gita in pedalò

guardia costiera 1' di lettura 20/08/2013 - Tragedia a Lido di Fermo. Riccardo Galié, il sedicenne di Amandola scomparso la scorsa notte durante una gita in pedalò con tre amici, è stato ritrovato morto dai soccorritori a poca distanza dalla riva.

Erano le 10:50 di martedì quando i sommozzatori e le motovedette della guardia costiera, impegnati nelle ricerche del giovane, hanno rinvenuto il corpo senza vita del 16enne incagliato tra gli scogli a poca distanza dalla riva.

Sul posto, oltre i soccorritori della guardia costiera e dei vigili del fuoco, sono accorsi i genitori e la sorella del giovane. Secondo una prima ricostruzione della Polizia di Fermo, incaricata delle indagini, il 16enne sarebbe uscito in mare con un pedalò insieme ad altri 3 amici. Una volta a bordo però il pedalò, privo dei tappi, avrebbe iniziato ad imbarcare acqua per poi ribaltarsi.

Due ragazzi hanno così nuotato fino a riva. Riccardo però non sapeva nuotare così il terzo amico ha tentato di aiutarlo ma è finito a sua volta sott'acqua. Stremato è riuscito a riemergere e salvarsi. Si trova ora ricoverato in ipotermia all'ospedale di Fermo. Per Riccardo invece non c'è stato nulla da fare. Il suo corpo è stato ritrovato martedì mattina.






Questo è un articolo pubblicato il 20-08-2013 alle 13:09 sul giornale del 21 agosto 2013 - 2212 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fermo, guardia costiera, Sudani Alice Scarpini, lido di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/QOH

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV