Coldiretti: '600 mila euro di fondi per le imprese agricole a rischio per burocrazia lenta'

soldi 1' di lettura 13/05/2013 - Seicentomila euro rischiano di non essere utilizzati dalle imprese agricole delle aree svantaggiate delle Marche. A denunciarlo è la Coldiretti dopo i ritardi accumulati nella predisposizione del bando per i fondi europei destinati agli agricoltori (indennità compensativa) che operano in queste zone.

Un problema grave, poiché va a togliere risorse preziose alle aziende in un momento di crisi. Nonostante le procedure fossero state definite già ad ottobre, la Regione ha pubblicato il bando lo scorso 8 maggio, con scadenza dopodomani, mercoledì 15 maggio. Un lasso di tempo insufficiente a permettere alle imprese e ai Centri di Assistenza agricola (Caa Coldiretti) sul territorio di predisporre le domande, con il concreto rischio di non utilizzare i finanziamenti comunitari.

A rimetterci potrebbero essere oltre trecento aziende e allevamenti che lavorano nei territori cosiddetti svantaggiati, dove le caratteristiche del suolo e del clima rendono più difficile portare avanti la produzione agricola. Zone, tra l’altro, nelle quali è importante garantire una costante manutenzione per scongiurare il pericolo dissesto. A complicare ulteriormente la situazione è intervenuta l’aggiornamento del sistema informatico per la presentazione delle domande, che ne ha fortemente limitato la funzionalità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2013 alle 16:57 sul giornale del 14 maggio 2013 - 2405 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti, coldiretti marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/MTv