Ancona: truffe informatiche, denunciati quattro 'hackers' anconetani. Le truffe in Ancona e non solo

Computer 1' di lettura 20/12/2012 - Truffe informatiche: denunciati quattro 'hackers' anconetani. Le truffe in Ancona e non solo. Il gruppo si era impossessato dei codici di accesso dei conti online.

I Poliziotti in servizio alla Squadra Mobile della Questura di Ancona hanno scoperto un vasto giro di truffe informatiche. A mettere a segno i colpi quattro anconetani, alcuni della quali con gravi precedenti penali. Nei primi giorni di dicembre il quartetto era riuscito a svuotare diversi conti correnti di ignari anconetani, ma le truffe si svolgevano anche a Parma, Napoli e Roma.

Gli hackers erano riusciti ad impossessarsi dei codici di accesso dei conti online per poi aprire dei conti correnti ad Ancona, dove riversavano le somme fraudolentemente prelevate.

Le indagini sono scattate non appena sono pervenute le denunce su movimenti di denaro non autorizzati dai conti parmensi in favore dei conti aperti in alcune banche tra le quali anche quelle anconetane. E' grazie a continui appostamenti e riscontri telematici che i Poliziotti della Squadra Mobile coglievano in flagranza alcuni dei soggetti responsabili, proprio mentre tentavano di prelevare il contante dal conto corrente aperto in una filiale di una banca utilizzando proprio il bancomat che era stato loro assegnato nel momento in cui avevano aperto il conto corrente sul quale venivano versati i soldi fraudolentemente sottratti.

Tutti gli indagati, di età compresa tra 40 e 50 anni, sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Ancona, per accesso abusivo a sistemi informatici o telematici, frode informatica aggravata per eventi diversi e per ricettazione.






Questo è un articolo pubblicato il 20-12-2012 alle 17:38 sul giornale del 21 dicembre 2012 - 1842 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, polizia postale, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HuV





logoEV