Macerata: la Mandragola, un teatro pieno la domenica pomeriggio

22/10/2012 - Un teatro pieno la domenica pomeriggio: cose che capitano a Macerata, dove il Teatro Lauro Rossi ha fatto registrare il tutto esaurito (oltre 500 presenze) per la Mandragola di Niccolò Machiavelli.

Merito del Festival Nazionale Premio “Angelo Perugini”, giunto ormai all’invidiabile traguardo della 44esima edizione, in programma dal 7 ottobre al 25 novembre.Una manifestazione dedicata al migliore teatro amatoriale della nostra penisola, organizzata dalle Compagnie Teatrali Riunite.

Domenica 21 ottobre, il cartellone prevedeva la rappresentazione della Mandragola, celebre commedia del ‘500 ambientata nella Firenze Rinascimentale, messa in scena per l’occasione dall’Associazione Culturale “Al Castello” di Foligno, con la regia di Claudio Pesaresi, presente anche nelle vesti di cantore.

Convincenti le interpretazioni dei vari personaggi, a cominciare da un esilarante Andrea Paris nei panni di Ligurio, astuto architetto di un piano beffardo ai danni dell’ingenuo Messer Nicia, impersonato dall’attore Mauro Formica. A trarne vantaggio sarà il giovane Callimaco (Tommaso Tardioli), che grazie anche alla complicità del corrotto Frate Timoteo (Massimo Pergolesi), riuscirà a coniare il suo sogno d’amore con la bella Lucrezia (Francesca Zafran), giovane moglie di Messer Nicia.

Un’ora e mezza di spettacolo articolato in un prologo e cinque atti, nei quali si alternano ironia e denuncia sociale in puro stile machiavellico. Una commedia vecchia di 500 anni eppure ancora modernissima, in grado di fotografare temi ancora tristemente attuali come la corruzione, l’inganno e l’egoismo.

Sicuramente un’opera che ancora affascina e nello stesso tempo, appassiona un pubblico di ogni generazione, senza tralasciare nessuno: dai giovani studenti agli appassionati di sempre.

con la collaborazione di Diego Gallina Fiorini.


di Lorenzo Possanzini
lorenzo.possanzini@vivereosimo.it
 






Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2012 alle 09:49 sul giornale del 23 ottobre 2012 - 1910 letture

In questo articolo si parla di teatro, macerata, lorenzo possanzini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Fdb