Democrazia Digitale, proposta di legge in materia di Open Data

open data 1' di lettura 28/09/2012 - L’Associazione Democrazia Digitale ha rivolto un pubblico appello a tutti i membri del Consiglio Regionale delle Marche sollecitando l’avvio di un percorso virtuoso definito dall’Agenda Digitale Italiana e volto all’adozione di un’apposita legge in materia di Dati Aperti (Open Data) e riutilizzo delle informazioni del settore pubblico, così come già effettuato da altre regioni italiane quali: il Piemonte, la Toscana, il Lazio, la Puglia e la Provincia Autonoma di Trento.

A tal proposito giovedì 27 settembre 2012 abbiamo provveduto a inviare, ai Consiglieri regionali e al Presidente Spacca, l’apposito disegno di legge regionale da noi predisposto e recante:” Disposizioni in materia di dati aperti e riutilizzo di informazioni e dati del settore pubblico”, affinché possa essere presentato presso l’Assemblea Legislativa delle Marche.

La nostra associazione ha per oggetto la diffusione della cultura della trasparenza e dei dati aperti (open data) nei più ampi strati della società civile, nonché la conseguente difesa e tutela dei diritti civili di ogni cittadino e l’attuazione dell’Agenda Digitale Italiana; in tal senso questo tipo di iniziativa si configura come il naturale punto di partenza di ogni azione del movimento in difesa dei dati aperti operante sul territorio regionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2012 alle 16:43 sul giornale del 29 settembre 2012 - 4718 letture

In questo articolo si parla di attualità, Associazione Democrazia Digitale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Elj





logoEV