Legambiente e Symbola al Forum Sbilanciamoci: workshop dedicato alla green economy nelle Marche

Legambiente 2' di lettura 06/09/2012 - “Le Marche capaci di futuro. Esperienze di successo nella green economy”. Questo l’oggetto del workshop organizzato da Legambiente e Fondazione Symbola all’interno del Forum Sbilanciamoci che si terrà questo fine settimana a Capodarco di Fermo.

Al confronto parteciperanno Fabio Renzi, segretario generale della fondazione Symbola; Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche e responsabile green economy di Legambiente; Sergio Lupi, Retail Evolution Company; Roberto Mosca, amministratore unico Spring Color; Luigi Silenzi, Federmoda Macerata e Federico Vitali, presidente Faam.

“Rispondere alla crisi con innovazione, attenzione all’ambiente e cura del territorio. Solo cambiando ricetta sarà possibile trovare via d’uscita al grave momento di crisi che il nostro Paese sta vivendo – commentano Fabio Renzi, segretario generale Fondazione Symbola e Luigino Quarchioni, presidente di Legambiente Marche e responsabile green economy di Legambiente -. Le storie che si confronteranno il prossimo sabato sono la testimonianza che il fattore ambientale è centrale e strategico per generare nuova economia, far vivere meglio i cittadini e stimolare ricerca e innovazione, con ricadute positive sia sotto l’aspetto ambientale che sociale e culturale. In questo connubio c’è la vera sfida che ci aspetta nei prossimi anni. Se questo è vero, la green economy è una straordinaria occasione per riorientare il modo di consumare, produrre e organizzare servizi, con un approccio sempre più etico e con attenzione e rispetto per le donne e gli uomini che abitano e vivono nei territori. Così facendo crediamo che sarà possibile umanizzare l’economia e ricollocare al centro uomo, territorio e ambiente.”

Secondo il rapporto nazionale GreenItaly di Fondazione Symbola e Unioncamere del 2011, le Marche possono vantare 11.010 imprese green, il 23,1% della Regione, imprese cioè che investono in tecnologie e prodotti verdi. Per quanto riguarda le province marchigiane, Pesaro e Urbino si colloca al primo posto con il 24,21% di imprese green sul totale delle imprese della provincia (2.760 imprese), seguono Ancona con il 23,2% (3.180 imprese), Macerata con il 22,5% (2.240 imprese), Fermo 22,4% (1.400 imprese) e Ascoli Piceno 22,1% (1.430 imprese).

“Questi dati confermano che nelle Marche, una tra le regioni più manifatturiere d’Italia - con 1 azienda ogni 9 abitanti - e con un’imprenditoria variegata, la green economy sta rappresentando un nuovo modo di fare impresa, in grado di compete e uscire dalla crisi- concludono Renzi e Quarchioni -. Questa innovazione coinvolge aziende che operano in tutti i settori dell’economia marchigiana, come racconteranno le coraggiose esperienze raccontate al workshop. Superare le paure e puntare con più coraggio sulle politiche di accompagnamento alla green e soft economy ci sembra l’unica strada praticabile”.

Il workshop si terrà sabato 8 settembre dalle ore 14.15 alle ore 17.00 a Capodarco di Fermo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-09-2012 alle 16:29 sul giornale del 07 settembre 2012 - 1732 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente, legambiente marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Dxt