Ancona: cede la droga all'ex fidanzata, in manette il padre di suo figlio

siringa in soffitta 1' di lettura 09/08/2012 - Le cede la droga e poi la salva dall'overdose. In manette per spaccio il padre di suo figlio. Salva la giovane anconetana di 22 anni, nonché ex fidanzata dell'uomo.

Le cede la droga, ma poi accade l'imprevedibile: lei va in overdose che le sarebbe potuto essere fatale. E' così che lui, padre del figlio, un tunisino 33enne, di lei non esita a chiamare i soccorsi. Ma nonostante l'atto finale di "generosità" che l'ha tolta dalle braccia della morte, per lui nulla da fare: scattano le manette. La triste vicenda di questa 22enne anconetana si é consumata per le strade del Centro di Ancona, in via San Pietro. Due dosi che sarebbero potute esserle fatali, ma poi la chiamata ed i soccorsi.

La donna, già nota alle forze dell'ordine per consumo di sostanze stupefacenti, ora é scampata dal pericolo che avrebbe potuto strappare a suo figlio la madre. Ma fortunatamente il lieto fine grazie all'immediato intervento del 118 che le ha somministrato del 'Narcan'.

Sul posto anche una la Polizia che ha provveduto ad aprire un'indagine. Anche se sarebbe abbastanza chiaro che il 'pusher' che gli avrebbe ceduto la droga sia proprio il padre di suo figlio.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2012 alle 17:35 sul giornale del 10 agosto 2012 - 1873 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, overdose, laura rotoloni, siringa, soffitta


Fabio Maria Agostinelli

10 agosto, 16:40
Suggerirei all'avvocato che difenderà il tunisino di rappresentare la cessione di eroina come necessità di soccorrere una congiunta in stato di grave carenza che poteva essere rischiosa per loro figlio. La successiva tempestiva richiesta di soccorso sanitario ne è conferma. Se l'eroina fosse controllata come un farmaco eviteremmo queste strazianti emergenze.

ghost Utente Vip

12 agosto, 17:03
Io invece suggerirei di togliere il figlio dalle mani di questa sciagurata. Come può crescere un bambino vicino a certe persone che non sanno neanche badare a loro stesse?