Ancona: maxi sequestro di 'bionde' al porto, un carico era diretto in Olanda

1' di lettura 29/05/2012 - Altro maxi sequestro al porto dorico. Un arresto e due denunce per contrabbando di 'bionde'.

La Guardia di Finanza di Ancona mette di nuovo a segno un'altro sequestro illecito: oltre 3 tonnellate di sigarette di contrabbando. Si tratta di due distinte operazioni svolte negli ultimi giorni ed in collaborazione con i funzionari doganali. Nel primo caso 3.100 kili, mentre nell’altro circa 50 kili di tabacchi lavorati esteri.

Il carico maggiore, rinvenuto all'interno di un autoarticolato proveniente dalla Grecia, era costituito da sigarette di marca “Oris Slim” e “Gold Mount” occultate da un carico di pesche sciroppate. Una volta rivendute sul mercato le bionde avrebbero fruttato ben 666.500 euro in cui sono da considerare anche i diritti doganali evasi per oltre 590.000 euro.

Il conducente del mezzo, un cittadino greco, é stato associato al carcere di Montacuto e dovrà rispondere all'Autorità Giudiziaria del reato di contrabbando. Nell'altro carico di sigarette di contrabbando sequestrate 253 stecche di “bionde”, pari a 50 kg, trovate in possesso di due coniugi, anch’essi originari della Grecia. I due aveano nascosto il tutto nelle portiere e nel sottotetto dell’auto. La coppia era diretta in Olanda, dove il contrabbando di sigarette é proficuo grazie alla maggiore incidenza fiscale sui prodotti da fumo imposta dai Paesi Bassi.

Con gli ultimi duri colpi inferti alle organizzazioni contrabbandiere diventano circa 48 le tonnellate di tabacchi illecitamente introdotte nel territorio dello Stato, individuate e sequestrate.








Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2012 alle 10:59 sul giornale del 30 maggio 2012 - 1358 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, laura rotoloni





logoEV