Polveri sottili: prorogati i termini per i filtri per pizzerie e ristoranti

pizza cotta sul forno a legna 1' di lettura 21/03/2012 - “Era ormai realisticamente impossibile chiedere a centinaia di panetterie, pizzerie, e ristoranti marchigiani, che usano legna per la cottura dei cibi e che sono ubicati nelle zone urbane a rischio, di adeguare il proprio forno a legna entro il 31 marzo prossimo”.

Così ha sottolineato l’assessore regionale all’Ambiente, Sandro Donati promotore della proroga dei termini attraverso un atto di giunta regionale.

“Certo – continua l’assessore - considerando che la prima delibera regionale risale al 3 ottobre 2011, se tutti i sindaci avessero emesso le ordinanze nei tempi giusti, le condizioni per adeguarsi alla data prevista ci sarebbero state tutte. Mi è sembrato, tuttavia, doveroso venire incontro a quei panificatori e ristoratori che intendono rispettare questo provvedimento a tutela della salute pubblica ed è per questo che, avendo sentito il parere dell’Arpam, ho portato in giunta una modifica all’Accordo di Programma che rinvia fino al 14 settembre 2012 questo termine”.

“Lo slittamento però – ha concluso Donati - vale solo per quei panificatori e ristoratori che si sono già palesati o si saranno palesati al proprio Comune nel termine stabilito dalle ordinanze. Infatti, trattandosi di spedire una lettera con poche informazioni, il termine stabilito per la comunicazione è più che sufficiente. Per gli altri il termine generale è stato prorogato al 30 aprile 2012”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2012 alle 12:22 sul giornale del 22 marzo 2012 - 1155 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pizza, legna, forno, forno a legna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wKB





logoEV