Santa Veneranda: casello autostradale, Viventi: 'Rivedere la soluzione lato monte'

secondo casello A14 Pesaro Santa Veneranda 2' di lettura 06/03/2012 - Per la realizzazione del nuovo casello autostradale di Pesaro, in località Santa Veneranda, la Regione ritiene opportuno rivedere la soluzione sin qui prospettata, che prevedeva la costruzione dell’opera lato monte.

È quanto emerso, questa mattina - durante i lavori dell’Assemblea legislativa - dalla dichiarazione dell’assessore Luigi Viventi,che si è espresso in seguito alla presentazione di una mozione presentata dal consigliere Ricci sul tema della realizzazione delle opere compensative relative al casello pesarese.

“Martedì prossimo – afferma l’assessore alle Infrastrutture, Luigi Viventi – incontreremo di nuovo Provincia e Comune di Pesaro per prendere una decisione definitiva sull’esatta collocazione del casello. La Giunta regionale, attraverso il mio assessorato - ha spiegato - segue questo tema, da tempo, con attenzione. Il tavolo di confronto tra gli operatori richiesto dal consigliere Ricci è operativo dal 20 settembre 2011. Proprio a seguito degli incontri con le istituzioni e i soggetti interessati, e in particolare dell’ultima riunione da me convocata il 13 febbraio, sono emersi alcuni problemi importanti che ci inducono a rivedere la soluzione sin qui prospettata della realizzazione del casello a monte”.

Nel corso di questa riunione, infatti, in seguito all’analisi condotta dai tecnici della Regione Marche, l’assessore Viventi ha rappresentato al Comune e alla Provincia di Pesaro quattro criticità: la recente programmazione del nuovo ospedale in località Muraglia rende indispensabile il collegamento tra il casello e questa zona. Con il casello a monte questo è impossibile, sia dal punto di vista strutturale, sia da quello economico; l’intervento a monte, infatti, comporta un costo maggiore, stimato dalla società Autostrade in 11 milioni di euro.

Questo significa meno opere compensative, poiché, ovviamente, i maggiori costi precludono la realizzazione di molte infrastrutture strategiche, compresa quella di collegamento con l’ospedale di Muraglia; la soluzione a monte, inoltre, prevede un maggiore impatto ambientale, con lo sbancamento di un’intera collina per la realizzazione delle rampe, la costruzione di un muro di circa venti metri, l’ulteriore allargamento del viadotto dell’A14 e una sopraelevazione di circa 6 metri sul piano campagna esistente per la realizzazione del nuovo casello. Il casello a monte, infine, sarebbe, in ogni caso, monodirezionale. In base a ciò, al termine della riunione del 13 febbraio si è convenuto di programmare un sopralluogo tecnico di verifica in loco delle soluzioni prospettate, che è stato effettuato il 22 febbraio.

“In effetti - ha detto in aula Viventi - il sopralluogo ha confermato le criticità da me evidenziate, con la conseguenza che la soluzione a monte non risulta funzionale dal punto di vista tecnico”. Regione, Provincia e Comune di Pesaro si incontreranno nuovamente martedì 13 marzo, per definire una soluzione che superi le criticità evidenziate e permetta di ottenere tutte le opere compensative necessarie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2012 alle 16:55 sul giornale del 07 marzo 2012 - 1263 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, luigi viventi, a14, Comune di Pesaro, vivere pesaro, secondo casello, provincia di pesaro, casello santa veneranda, casellino pesaro, giunta regionale marche, casello pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/v9m