Eternit, Latini: 'Momento importantissimo nella battaglia per il diritto alla salute'

Dino Latini 1' di lettura 14/02/2012 - La sentenza del Tribunale di Torino, che ha condannato i titolari della Eternit per non aver adottato strumenti di prevenzione di malattie dovute a contatto con l’amianto (quasi tremila morti tra gli ex dipendenti e i loro familiari) rappresenta un momento importantissimo nella battaglia per il diritto alla salute dei cittadini.

Questa sentenza, infatti, costringe l’intera classe politica a riflettere ulteriormente sulla stringente necessita' di avviare un processo di conversione ecologica dei cicli industriali inquinanti, che purtroppo ancora oggi sono causa di malattia e di morte. E dall'aprile del 1994 che in Italia non possono essere utilizzati manufatti contenenti amianto, ma nonostante ciò, su tutto il territorio nazionale - e ovviamente nella nostra Regione - sono presenti un gran numero di siti che contengono la mortale sostanza.

Per tutte queste ragioni, nei giorni scorsi ho presentato all'Assemblea Legislativa delle Marche una interrogazione sull’argomento e una mozione che impegna la Giunta regionale a supportare tutti i progetti messi in campo per censire definitivamente i manufatti privati contenenti amianto. Ciò al fine di conoscerne l'ubicazione dei siti ancora a rischio e di valutarne le condizioni di conservazione. In base alla mia mozione, la Regione dovrà poi sollecitare il Governo affinché continui a sostenere economicamente la bonifica dell’amianto, al fine di perseguire in tempi brevi l’obiettivo di rendere finalmente le Marche un territorio completamente libero.


da Dino Latini
Consigliere Regionale Api - Liste Civiche per l'Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2012 alle 17:40 sul giornale del 15 febbraio 2012 - 1454 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, dino latini, eternit

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vdS





logoEV