Banca Marche mette a disposizione un plafond di 100 milioni a favore di nuove imprese

Banca Marche 2' di lettura 06/12/2011 -

Banca Marche mette a disposizione un plafond di 100 milioni di euro a favore di start-up, imprenditoria femminile e reti d’impresa.



I finanziamenti sono destinati alla creazione di nuove imprese da parte di giovani, donne, disoccupati e cassintegrati di qualsiasi età. Il plafond potrà essere utilizzato anche da imprese già costituite che si aggregheranno con contratto di rete. L’iniziativa mira a favorire la nascita di nuove iniziative imprenditoriali in un momento di grande difficoltà dell’economia, investendo sulla valorizzazione di giovani talenti che vogliano avviare un’attività imprenditoriale. Per quanto riguarda la creazione di nuove imprese, i finanziamenti sono destinati a:

- nuove imprese, di qualunque settore, gestite da giovani under 35;

- nuove imprese, di qualunque settore, gestite da soggetti senza limite d’età, anche beneficiari di ammortizzatori sociali o ex-lavoratori, cioè disoccupati e cassintegrati;

- nuove imprese, di qualunque settore, gestite da donne, senza limite d’età. Sono poi finanziabili le iniziative a sostegno delle aggregazioni con contratto di rete, cioè le cosiddette reti d’impresa.

Si tratta di aziende che si obbligano a esercitare in comune una o più attività economiche per accrescere l’efficienza e la competitività sul mercato. Banca Marche finanzierà le imprese, di qualunque settore, che abbiano già formalizzato un contratto di rete. I finanziamenti, sia per le nuove imprese sia per le reti d’impresa, avranno la forma di prestiti chirografari con durata massima di 60 mesi e mutui fondiari con durata massima di 120 mesi. Saranno finanziabili gli investimenti materiali, immateriali e fabbisogno di circolante, con importi variabili in base al tipo di attività.

“In una situazione di difficoltà economica come quella che stiamo vivendo – spiega Michele Ambrosini, presidente di Banca Marche – è necessario uno sforzo straordinario da parte di tutti. Banca Marche mette a disposizione questi 100 milioni di euro come contributo per la nascita di nuove imprese sul territorio, perché crediamo che una collaborazione fra il sistema bancario e quello imprenditoriale sia imprescindibile per uscire dalla crisi”. “Le piccole le medie imprese rappresentano la spina dorsale dell’economia italiana – commenta Massimo Bianconi, direttore generale di Banca Marche. “Questi 100 milioni che destiniamo ai giovani, alle donne e ai disoccupati che vogliono diventare imprenditori rappresentano un aiuto concreto per il territorio. Ci piacerebbe coinvolgere le associazioni di categoria e il sistema dei Confidi perché partecipino alla nostra iniziativa e concedano le garanzie necessarie per erogare più finanziamenti ai giovani e alle imprese”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2011 alle 17:33 sul giornale del 07 dicembre 2011 - 1113 letture

In questo articolo si parla di impresa, banca marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/sDf