Agugliano: il protagonista del tentato suicidio con il gas è il nipote di Kalambay

ambulanza 1' di lettura 27/11/2011 -

Disastro colposo e danneggiamento l'accusa rivolta al pugile 28enne Carel Sandon, nipote dell'ex campione del mondo dei pesi medi Patrizio Sumbu Kalambay, che sabato avrebbe fatto saltare l'appartamento in cui vive ad Agugliano per una delusione d'amore.



Il giovane, che era stato denunciato per stalking e sequestro di persona ai danni della sua ex fidanzata di 25 anni, avrebbe acquistato una bombola di Gpl da 10 chili, l'avrebbe portata in cucina e aperto la valvola per far uscire il gas. Da li a poco la saturazione dell’appartamento ha provocato un’esplosione che ha semidistrutto l’alloggio e danneggiato seriamente tutto lo stabile.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno messo in sicurezza la bombola e spento le fiamme. Nel frattempo il 28enne è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato all'ospedale di Torrette in prognosi riservata a causa delle ustioni di secondo e terzo grado al volto e sul 50% del corpo. Successivamente è stato trasferito al centro per grandi ustionati di Roma. Sul caso indagano i Carabinieri.






Questo è un articolo pubblicato il 27-11-2011 alle 22:09 sul giornale del 28 novembre 2011 - 1411 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vigili del fuoco, carabinieri, agugliano, Sudani Alice Scarpini, soccorsi, ambulanze

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/seO

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV