Incontro dei vertici doganali italo-russi a Roma grazie al lavoro svolto nell'Interporto

consolato russo 3' di lettura 21/10/2011 -

Come conseguenza tangibile di un anno di lavoro eseguito alacremente presso l’Interporto delle Marche, esattamente all’interno degli uffici dell’Ente Unitario Federale Statale ROSTECK con la collaborazione del Consolato Onorario della Federazione Russa di Ancona e della Camera di Commercio Italo-Russa di Milano, si terrà nei giorni 27 e 28 ottobre a Roma, presso gli Uffici della Direzione Generale dell’Agenzia Italiana delle Dogane, un incontro di vertice tra i due organismi doganali (l’Agenzia delle Dogane Italiane, appunto, e il Servizio Federale della Dogana Russa). Al vertice prenderanno parte anche il Direttore Generale dell’Ente ROSTECK A.G. Povsjanyj, accompagnato dal suo consigliere Boris Olenich, e il Consigliere dell’ Ambasciata Russa in Italia Igor Bogdashev.



L’incontro dovrà analizzare il “Corridoio verde”, ideato dall’ente ROSTECK all’interno del “Progetto Italia” che ha sede all’Interporto Marche di Jesi. Lo scopo è quello di eliminare molte delle problematiche concrete afferenti al transito delle merci dall’Italia verso la Russia e viceversa, allo scopo di rendere agevoli, semplificate e veloci le procedure burocratiche, mediante l’utilizzo della tecnologia elettronica. Inoltre anche di eliminare meccanismi non ortodossi, illegali o ai limiti della legalità, che si sono insinuati nella complessità procedurale. La qualificatissima presenza di soggetti pluricompetenti all’interno delle due delegazioni ufficiali fa ritenere che presto, dalla collaborazione fra i due Stati sul delicato tema doganale, scaturiranno esiti risolutivi. Basti pensare che la delegazione russa è capeggiata dal Direttore Generale per la Cooperazione Doganale Generale S.A. Konovalenko, e quella italiana dal Direttore dell’Agenzia delle Dogane Dott. Giuseppe Peleggi. Inoltre dei due gruppi fanno parte responsabili dei settori informatici, investigativi, economici.

Il giorno precedente all’inizio dei lavori si terrà, sempre a Roma, un summit propedeutico al quale prenderanno parte tutti i componenti della delegazione del Servizio Federale della Dogana Russa, una nutrita rappresentanza dei gradi più elevati della ROSTECK, il Console Onorario della Russia di Ancona Armando Ginesi, il presidente dell’Associazione Amici delle Marche e della Russia (a.a.m.r.) Marco Ginesi, il Console Onorario Russo di Bolzano Bernhard Kiem, i Consiglieri di Ambasciata Igor Bogdashev e Leonid Culikov.

Il Console Russo di Ancona Armando Ginesi si è dichiarato estremamente soddisfatto di questo primo importante risultato che è riuscito a far inserire nell’agenda dei due governi – e dei rispettivi loro strumenti operativi nel settore – il problema dei rapporti doganali. Tema delicatissimo e di estrema rilevanza se si considera che l’Italia è statisticamente il quarto paese europeo nell’interscambio con la Russia (in realtà è il terzo, perché quella che la precede, l’Olanda, è in alto nella classifica solo grazie al transito di merci, altrove prodotte, attraverso il porto di Rotterdam). E ancor più soddisfatto si dichiara per il fatto che il grande lavoro di ideazione e di preparazione è stato svolto nell’area della sua circoscrizione consolare – Le Marche – con la piena collaborazione dell’Ambasciata russa in Italia e della Camera di Commercio Italo-russa di Milano.


da Consolato onorario della federazione russa di Ancona




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2011 alle 17:51 sul giornale del 22 ottobre 2011 - 652 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, Russia, Consolato onorario della federazione russa di Ancona, consolato russo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/qHk