Sanità: turni estivi, accordo fra sindacati e Regione

Operatore Socio Sanitario 2' di lettura 02/08/2011 -

"La UIL esprime una certa soddisfazione relativamente all’esito dell’incontro odierno con l’assessore Mezzolani ed il direttore generale dell’ASUR Ciccarelli, rispetto al rischio paventato da una nota del direttore amministrativo indirizzata a tutti i direttori delle Zone territoriali intesa a non applicare più un articolo del contratto nazionale di lavoro che prevede per tutto il personale dipendente del servizio sanitario che presta la propria attività in giorno festivo infrasettimanale la facoltà di chiedere il pagamento dello straordinario, o in alternativa un giorno di riposo compensativo”.



Intervento positivo del segretario regionale della Uil FPL Carlo Santini in merito all’incontro che si è svolto nel tardo pomeriggio di ieri. “Non solo: - prosegue Santini - la nota in questione lasciava paventare anche l’effetto retroattivo addirittura all’anno 2010 e precedenti con evidente eccezionale danno economico che avrebbe dovuto sopportare il personale interessato. Il tutto – spiega il segretario regionale - nasceva da una fuorviante interpretazione dell’ARAN in risposta ad un quesito inoltrato dal Direttore della Z.T. 6 di Fabriano che la direzione dell’ASUR aveva fatto immediatamente propria”.

La richiesta di convocazione delle parti, inoltrata proprio dalla UIL all’assessore Mezzolani sulla materia, ha prodotto l’incontro di ieri che si è concluso con un accordo in funzione del quale viene ripristinato lo status quo antecedente all’intervento della direzione dell’ASUR. “Non siamo totalmente soddisfatti, - ci tiene a sottolineare il segretario Uil Fpl Carlo Santini - perché in alcune realtà questo istituto non veniva comunque applicato con grave pregiudizio per tutti i lavoratori interessati, e ripristinare lo status quo non significa rispondere ai diritti in tal senso prevaricati da alcuni direttori di zona, ma è un primo passo avanti per cui, nella certezza del diritto. L’assessore si è impegnato a convocare di nuovo le parti alla ripresa della attività post ferragostana al fine di rendere omogeneo tale trattamento su tutto il territorio regionale”.

L’incontro è stato supportato da un nutrito presidio di dirigenti sindacali, delegati aziendali, RSU, di tutte le zone territoriali che hanno manifestato con le bandiere del Sindacato in maniera unitaria ed efficace. “Questo - chiude Santini- al di là di alcuni atteggiamenti di comodo e del tutto strumentali espressi da alcuni colleghi di altre organizzazioni sindacali con specifici comunicati di sigla.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-08-2011 alle 18:19 sul giornale del 03 agosto 2011 - 2549 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, uil, operatore socio sanitario

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/oHc