Sub fornitori di imprese in crisi, Giannini: 'Più facile l'accesso al fondo di garanzia'

logo regione marche 1' di lettura 20/05/2011 -

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto numero 69, provvedimento adottato dal Ministero per lo sviluppo economico con il Ministero per l’Economia e promosso dalla Commissione attività produttive della Conferenza delle Regioni, coordinata dall’assessore Sara Giannini.



L’atto è finalizzato a incentivare l’ammissione delle imprese sub fornitrici di aziende in amministrazione straordinaria al Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Il decreto modifica il precedente regolamento ministeriale – numero 348/1999 – e va incontro alle esigenze dei piccoli sub fornitori di grandi imprese in difficoltà.

La modifica avviene a seguito dell’iniziativa dell’assessore alle Attività produttive della Regione Marche, Sara Giannini , che come responsabile del coordinamento della Commissione Attività produttive della Conferenza delle Regioni ne ha promosso l’adozione. “Ora anche per le piccole imprese sub fornitrici è più facile l’accesso al fondo di garanzia”, osserva l’Assessore.

Il nuovo regolamento è indirizzato specificamente a tutelare l’indotto fatto di piccole imprese, anche artigiane, che realizzano almeno il 50 per cento del fatturato verso un’impresa in amministrazione straordiaria, come nel caso della crisi della Antonio Merloni, della ITR Holding – il 22% dei circa duemila fasonisti della casa di moda sono marchigiani - o di altre analoghe.

Un sostegno, dunque, per consentire il superamento delle difficoltà nell’accesso al credito che incontrano le piccole imprese sub fornitrici a causa dell’aggravamento della posizione debitoria delle grandi imprese in stato d’insolvenza. Strumento particolarmente utile per il panorama produttivo regionale, composto soprattutto da imprese di piccole dimensioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2011 alle 12:47 sul giornale del 21 maggio 2011 - 2153 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/k2L