Ancona: tabaccherie rapinate, fermati due giovani italiani

questura di ancona 02/05/2011 -

Gli uomini della Questura di Ancona hanno posto in stato di fermo due giovanissimi sospettati di far parte della banda che negli ultimi mesi ha rapinato cinque tabaccherrie nel territorio cittadino. Stavano progettando un assalto ad una villa di Pietralacroce.
 



Un duro colpo inferto alla banda che aveva messo a segno almeno quattro (forse cinque) rapine in altrettante tabaccherie del territorio anconetano. Nella notte tra sabato e domenica sono stati infatti fermati due ragazzi, rispettivamente di 19 e 21 anni, che potrebbero far parte di una banda di almeno cinque persone e “specializzata” in assalti a piccoli esercizi commerciali.

L. G. (di Falconara Marittima) e R. A. C. (originario di Ancona ma residente nel teramano) sono stati posti in stato di fermo dopo numerosi appostamenti e pedinamenti, e bloccati nella sabato notte mentre si trovavano a bordo di una Fiat Marea nei pressi di Pietrlacroce, a poca distanza da una villa di proprietà di un facoltoso cittadino anconetano, sul quale però la Questura preferisce mantenere uno stretto riserbo.

Una circostanza non di poco conto, secondo gli uomini della Squadra Mobile, tanto che i due giovani rapinatori erano in possesso di una pistola scacciacani. Una piccola arma da fuoco che farebbe però pensare ad un ipotetico “salto di qualità” nelle attività illecite dei due: dalle tabaccherie alle ville, con il rischio di un possibile sequestro di persona.

Lo zaino in possesso dei due fermati era già stato notato dagli uomini della Questura dopo la visione delle riprese effettuate con telecamere a circuito chiuso nei pressi delle tabaccherie svaligiate in precedenza. Oltre lo zaino, gli agenti hanno riconosciuto anche degli indumenti, trovati nell’abitazione di uno dei due malviventi. Che si trovano ora agli arresti domiciliari in attesa della convalida del fermo.

Secondo Carlo Pinto, dirigente della sezione Criminalità Organizzata della Questura di Ancona, “i due fermati potrebbero far parte di una banda composta da altri giovani, tutti con un’età compresa tra i 18 ed i 25 anni”. Ma al momento non si esclude la presenza nel “giro” di altri coetanei di origine straniera.






Questo è un articolo pubblicato il 02-05-2011 alle 16:56 sul giornale del 03 maggio 2011 - 2126 letture

In questo articolo si parla di politica, pietralacroce, emanuele barletta, arturo de felice, giorgio di munno, carlo pinto, rapina taccheria ancona, rapina in villa





logoEV