Favia: 'Questo è il governo delle buone intenzioni che non vengono mai messe in opera'

david favia 2' di lettura 07/04/2011 -

Questo è il governo dei "libri delle favole", delle buone intenzioni che non vengono mai messe in opera. In questi tragici giorni in cui tantissime persone sono morte al largo delle nostre coste, oltre a rivolgere il mio pensiero e il più sentito cordoglio alle vittime, sono intervenuto alla Camera a nome del gruppo IDV per ricordare al ministro Maroni che c’è un serio problema di incoerenza tra ciò che la maggioranza dice e quello che realizza veramente. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Come le dimissioni del sottosegretario Mantovano.



C’è un serio problema di contraddizione e di credibilità, quando un ministro della Lega, partito che non voleva entrare in Europa, oggi chiede aiuto e sostegno per la questione tragica dei profughi proprio all’Unione Europea. Se l’Italia non viene ascoltata a livello internazionale dovremmo chiederci il perché. E una risposta, ad esempio, può essere l’incompatibilità delle nostre politiche con le strategie e le direttive europee. Ho chiesto quindi che, come prima cosa, il consiglio dei ministri proponga una legge che annulli il reato di clandestinità: un’assurdità che ha introdotto questo governo e che ci impedisce di recepire la direttiva europea in materia di immigrazione. Altra risposta è la mancanza di credibilità di questo governo che non viene ascoltato, ad esempio, nè dalla Francia nè dalla Tunisia.

Oltre a questo ho chiesto a Maroni come mai tra le location previste per i centri di accoglienza non compaiono molte regioni del Nord. Va aggiunto a tutto questo che si sono spese molte parole riguardo la questione profughi, ma nessuna in relazione agli accordi finanziari da pattuire con le Regioni e gli enti locali, primi soggetti e a organizzarsi per ospitare e prendersi cura degli immigrati e dei minori non accompagnati. Ho ricordato al ministro che senza soldi e sostegno finanziario da parte del governo, ogni azione predisposta è destinata a fallire. In conclusione ho ritenuto doveroso rivolgere un ringraziamento alla Marina, ai pescatori di Mazara del Vallo e ai mercantili che, a differenza di questo governo, hanno dimostrato concretamente uno spirito solidaristico e grande buona volontà. Mi auguro che le ricerche in mare possano dare presto buoni frutti perché è intollerabile, a fronte di tante belle parole, assistere a una tragedia che era ampiamente annunciata.


da David Favia
coordinatore regionale IdV




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-04-2011 alle 18:34 sul giornale del 08 aprile 2011 - 2243 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, david favia, idv, governo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jng