Cup unico, D'Anna: chi chiama da cellulare aspetta, paga e non ha nemmeno risposte

giancarlo d'anna 1' di lettura 15/09/2010 -

Se l'Ospedale Unico “risolverà” i problemi degli Ospedali di Pesaro e Fano come il Cup unico sta risolvendo il problema delle lista d'attesa siamo a posto- esordisce così il Vice Presidente della commissione regionale sanità D'Anna- dopo il disastro annunciato del nuovo sistema di prenotazioni.



Non solo non si accorciano le liste d'attesa ma si allungano i tempi anche al telefono. Doppia beffa per la quale il cittadino paga come sempre due volte. Già, infatti due sono i numeri da contattare il primo gratuito da numero fisso, il secondo a pagamento da cellulare. Il cellulare oramai è il preferito dagli anziani che in molti casi hanno rinunciato al fisso per i costi di gestione preferendo il più economico cellulare se non si effettuano molte telefonate. Ora chi chiama il Cup da cellulare oltre ad attendere tempi biblici paga pure senza nemmeno la certezza di poter ottenere un appuntamento.

Pensare che sul sito della Regione il servizio viene definito “Accesso facile e gratuito al sistema di prenotazioni” a parte che per i cittadini gratuito non è e non solo per il costo del telefono ma per il servizio che in cinque anni costerà ai cittadini delle Marche esattamente Euro 9.446.000,00 Iva esclusa. Quindi oltre diecimilioni di euro. Ad una cosa il Cup unico è sicuramente servito: a creare opportunità di lavoro per la solita cooperativa della quale ci farebbe piacere conoscere l'elenco dei soci.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-09-2010 alle 16:25 sul giornale del 16 settembre 2010 - 908 letture

In questo articolo si parla di sanità, fano, politica, Popolo delle Libertà, pdl, Giancarlo d'anna, consigliere regionale, CUP

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/b0y





logoEV