Ad agosto vacanze in campagna per combattere la crisi

agriturismo 2' di lettura 11/08/2010 -

La vacanza in agriturismo sfida la crisi tanto che saranno in sessantacinquemila i turisti che ad agosto trascorreranno le ferie nelle campagne marchigiane. E' quanto stima la Coldiretti Marche sulla base di un'indagine condotta da Terranostra, l'associazione agrituristica, presso le strutture attive in regione.



Dopo un avvio d'estate poco incoraggiante le prenotazioni per le settimane centrali di agosto si stanno avvicinando al tutto esaurito, addirittura con un leggero aumento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. “La tendenza che registriamo nel 2010 è una sicuramente maggiore attenzione da parte dei turisti per i prodotti e la cucina del territorio, che finiscono spesso per orientare la vacanza - spiega Federico Clementi, presidente di Terranostra Ancona -.

Il periodo medio di permanenza si conferma però non superiore alla settimana, a conferma di un trend generale già registrato nella stagione precedente”. Nonostante ciò la vacanza verde rimane l'unico segmento in costante e continua crescita nel panorama dell'offerta turistica. Una conferma, secondo Terranostra, del peso crescente dell'agriturismo all'interno del settore ricettivo regionale.

Nel giro di dieci anni gli agriturismi marchigiani sono triplicati, passando dai 291 del ’98 ai 780 del 2009, con un aumento largamente superiore alla media nazionale; tre comuni su quattro hanno, inoltre, almeno un agriturismo. Dei 780 agriturismi, 724 garantiscono l’ospitalità, mentre quelli che fanno ristorazione sono 415. Duecentoquarantacinque le strutture che propongono attività varie, da quelle sportive (trekking, mountain bike, maneggio) a quelle culturali, come le fattorie didattiche.

Secondo Terranostra Marche la crescita del numero degli agriturismi ha anche consentito di migliorare la ricettività nelle aree interne, garantendo servizi in passato “scoperti”. Lo dimostra anche il fatto che se nel 2003 il rapporto tra posti letto in agriturismo e posti letto in albergo era di uno a sei (dato Istat), ora è salito a uno a sei (10.500 contro 62.600). Se si va ad analizzare la classifica dei comuni con la maggiore concentrazione di agriturismi rispetto al totale provinciale, si nota inoltre che in cima c’è Fabriano (13%), seguita da Ancona (11%) e Fermo (11%).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-08-2010 alle 15:16 sul giornale del 12 agosto 2010 - 2005 letture

In questo articolo si parla di attualità, agricoltura, coldiretti, agriturismo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0K





logoEV