Senigallia: era il contatto per arrivare ai boss della malavita, arrestato a un 34enne

1' di lettura 09/08/2010 -

Originario di Messina, residente a Genga, in vacanza a Senigallia. Giuseppe Vecchio, 34enne originario del messinese, è stato arrestato sulla spiaggia di velluto sabato mattina. L'arresto, effettuato dai militari della stazione di Marzocca, si inserisce all'interno dell'operazione "Fire" partita proprio da Messina.



I protagonisti sono Massimo Spinella, 31 anni, suo padre Antonino di 60, Nunzio De Salvo, 46 anni, un poliziotto, Giuseppe Marchiafava e appunto Giuseppe Vecchio.

Secondo le ricostruzioni dei Carabinieri, Spinella da tempo provava a vendicarsi del suo ex socio con il quale per anni ha gestito un laboratorio di analisi a Scaletta Zanclea (Me). Estorsioni, minacce telefoniche, attentati incendiari e tanto altro. Grazie all'aiuto di Vecchio, Spinella ha cercato di contattare anche la criminalità organizzata del messinese.

A Vecchio, trasferitosi a Genga da alcuni mesi e in vacanza a Senigallia, è stata notificata sabato mattina l’ordinanza di custodia cautelare dai militari di Senigallia.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2010 alle 11:31 sul giornale del 09 agosto 2010 - 830 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, arresto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6d





logoEV