Ucchielli: è allarme rosso sulla disoccupazione giovanile nelle Marche

1' di lettura 16/07/2010 -

Il livello di povertà in Italia è stabile, anche se l'80% della disoccupazione originata dalla crisi economica ha colpito i giovani, che hanno trovato nella famiglia e nell'aiuto dei genitori il primo ammortizzatore sociale.



E’ questo quello che emerge dagli ultimi dati Istat che confermano l'emergenza lavoro. Nelle Marche il tasso di disoccupazione giovanile è del 22,6%, migliore di quello del Centro (24,8%) e di quello medio nazionale (25,4%), ma comunque ancora troppo elevato. E’ identico tra uomini e donne. “E’ allarme rosso sulla disoccupazione giovanile nelle Marche - afferma il segretario regionale PD Marche, Palmiro Ucchielli- I dati Istat sono molto gravi e confermano la necessità di cambiare tendenza investendo su formazione e apprendistato infatti da mesi i giovani soffrono di difficoltà di inserimento occupazionale. Un fatto ancor più grave è che nella manovra finanziaria non viene minimamente affrontato questo tema”.

Il segretario regionale parla di “una situazione davvero preoccupante di malessere del mercato del lavoro che ha colpito la regione Marche” ed è convinto che “questa situazione sia il risultato dei provvedimenti del Governo di Bossi e Berlusconi che non si preoccupa di dare lavoro a chi non ce l'ha e di affrontare i problemi delle aziende in crisi aumentando così la disoccupazione e il precariato”. “I giovani non sono un problema – conclude Ucchielli – ma una risorsa strategica per il futuro delle Marche e dell’intero paese. E’ necessario investire su di loro favorendo politiche per la crescita e investendo su ricerca e innovazione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2010 alle 16:10 sul giornale del 17 luglio 2010 - 863 letture

In questo articolo si parla di lavoro, politica, giovani, partito democratico, palmiro ucchielli, disoccupazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ais